Per l’occasione, gli specialisti di Porsche Exclusive Manufaktur hanno rivisto spazi e dotazione della struttura. Con il debutto di Porsche Taycan, la divisione incaricata di soddisfare qualsiasi richiesta di personalizzazione dei modelli Porsche ha incrementato la superficie dell’impianto presso il quale si realizzano le modifiche “à la carte” e installato quattro ponti per il sollevamento supplementari.

È la dotazione necessaria per intervenire con 90 nuove opzioni sulla sportivissima elettrica del Cavallino di Stoccarda. Dettagli, alcuni dei quali costituiscono finezze apprezzabili solo “esponendo” l’auto e raccontandola come fosse un’opera d’arte.

Fari glaciali

Ad esempio, gli alloggiamenti dei fari full led di tipo Matrix. Accorgersi della finitura Glacier Ice Blue sugli spot diurni è piuttosto immediato, meno lo è scoprire la grafica tridimensionale con il motivo del circuito stampato.

Gli interventi sulle versioni di Taycan comprendono nuovi disegni di cerchi in lega, i 21 pollici sono offerti anche nella versione Aeroblade, con razze dal profilo aerodinamico e realizzazione in carbonio forgiato (fibre corte, quindi, altamente resistenti e dai costi produttivi inferiori rispetto al carbonio con fibre lunghe), grazie al quale il peso è inferiore di 3 kg rispetto a una specifica di pari diametro.

Lo stile esterno della Taycan è personalizzabile dagli specialisti Porsche Exclusive Manufaktur anche attraverso tre pacchetti di Sport Design. Elementi come le prese d’aria sul frontale, le soglie sottoporta e i profili esterni del diffusore posteriore possono essere in tinta con la carrozzeria, color nero lucido o in fibra di carbonio.

Proseguendo all’interno, il Carbon Interior package introduce la fibra di carbonio con un trattamento opaco, applicazioni sul tunnel e sulle portiere, dove è possibile optare anche per un rivestimento in tinta con la carrozzeria. Non mancano diverse opzioni di colori per le cinture di sicurezza.

Porsche 718 GTS, motore 4 litri di scuola GT4