La Porsche 911, per gli appassionati di motori, è un simbolo, soprattutto nelle sue versioni più antiche. Le prime edizioni della sportiva tedesca sono gettonatissime dai collezionisti che, spesso, non si accontentano di un semplice restauro perché per riportare la loro Cavallina agli antichi splendori sono pronti a spendere qualsiasi cifra.

È il caso di Teddy Santis, imprenditore americano e fondatore del marchio di moda Aimé Leon Dore. Oltre all'abbigliamento (la sua azienda vanta collaborazioni con case come Woolrich, New Balance e molte altre), Santis ha un'altra passione: le automobili. In particolare un vero amore che nutre nei confronti di una Porsche 911 Carrera 964. Una vettura storica, per la quale l'imprenditore ha voluto fare le cose in grande.

Porsche Macan GTS, la prova del Suv da 380 cavalli

Il restauro della 911

Per riportare allo splendore questo esemplare intramontabile, Santis si è rivolto direttamente alla Porsche, con cui ha lavorato fianco a fianco per mesi facendo la spola tra New York e Stoccarda. Il risultato è una vettura unica, che è stata ribattezzata Aimé Leon Dore 964 Carrera 4. Oltre al lavoro di restauro è stata fatta anche una lunga opera di ristilizzazione di interni ed esterni, grazie anche all'esperienza della casa di moda.

Gli interni sono stati rivestiti con materiali esclusivi, gli stessi utilizzati per l'ultima collezione della Aimé Leon Dore. Ad esempio gli interni e il tetto apribile sono in pellame scamosciato. Tutte le modifiche, effettuate nei laboratori della Recaro in Germania, sono state completate poi con il rivestimento del baule sempre con lo stesso materiale e l'aggiunta di una borsa coordinata anch'essa personalizzata.

Approvata da Porsche  

Il design degli esterni è semplice, ma dettato da scelte precise. Il colore è quel candido bianco usato dalla Aimé Leon Dore per il suo flagship store di Manhattan, mentre il resto rimane fedele a tutti gli altri elementi estetici delle Porsche del passato. “Lavorare insieme a Porsche in questo progetto è stato un sogno diventato realtà” , ha affermato Teddy Santis a restauro completato di cui l'imprenditore non ha comunicato il costo complessivo.

Ora la 964 della Aimè Leon Dore è diventata a tutti gli effetti un oggetto di moda e di design, tanto che ha ricevuto anche l'approvazione della Casa tedesca. “Santis è un fan di Porsche quanto noi - ha detto il vicedirettore del marketing Kjell Gruner - la sua interpretazione è visivamente sbalorditiva”.

Le supercar più attese nel 2020: la top ten