l futuro prossimo di Maserati assume uno scenario sempre più definito. A Maggio esordirà la nuova supercar. Sarà un gradino importante di una scala che nei piani porta al rilancio. Di matrice tutta italiana: la Casa del Tridente ha ribadito che tutti innovi modelli saranno progettati, sviluppati, ingegnerizzati e prodotti nel Belpaese.

Maserati ha confermato che le nuove GranTurismo e GranCabrio saranno prodotte dal 2021 nello stabilimento di Mirafiori: saranno le prime elettriche del Marchio. La fabbrica torinese, cruciale nello sviluppo della elettrificazione di FCA, beneficerà di aggiornamenti per essere pronta alla produzione, anche di altri modelli green.

Ad aprile Ghibli elettrificata

Anche Modena, la casa di Maserati, farà la sua parte. A Maggio nascerà la nuova supersportiva del Marchio: con motore termico, ma anche con propulsore elettrico. Questa la novità, anche se il modello a batterie dovrebbe arrivare in un secondo momento, anche dopo GranTurismo e GranCabrio EV. Nella fabbrica emiliana ci sarà anche una nuova aerea per aa verniciatura delle carrozzerie.

Il baby Levante a fine 2021

A breve termine il modello cruciale sarà il SUV medio. Il “baby Levante”, che Maserati chiama utility vehicle. Lo stabilimento di produzione sarà quello di Cassino. Non a caso, perché la piattaforma dovrebbe essere la Giorgio, quella di Alfa Romeo Stelvio. 

Garanzia di ottima guidabilità: il modello potrebbe arrivare a fine 2021. I lavori nell’impianto laziale saranno iniziati a breve: sono stati stanziati 800 milioni di euro. Il nuovo utility vehicle, che dovrebbe avere anche la versione plug-in hybrid, sarà fondamentale per aumentare le immatricolazioni.

Il suono della Maserati GT elettrica