I clienti dei 150 esemplari, già tutti prenotati (ovviamente), attendono il loro turno. Sarà nella seconda metà del 2020 che Aston Martin Valkyrie verrà consegnata loro. La hypercar progettata da Adrian Newey, con soluzioni aerodinamiche estreme, prosegue l’affinamento sugli esemplari prototipo.

Sviluppo che ha visto i due piloti di Red Bull, Max Verstappen e Alexander Albon, scendere in pista a Silverstone, per saggiare le doti del progetto. Tre prototipi sul tracciato degli 8 complessivamente realizzati da Aston nel percorso di sviluppo della Valkyrie stradale, oltre a Verstappen e Albon si sono alternati al volante anche i tester ufficiali del marchio britannico, Chris Goodwing, Darren Turner e Alex Lynn.

Carico... Max

"Ero qui a Silverstone a seguire i primi run della Aston Martin Valkyrie lo scorso anno, durante il GP di Gran Bretagna, ovviamente è sempre meglio trovarsi al volante e, poter essere uno dei primi a guidare una macchina folle come questa è stato davvero avvincente.

Si trova ancora in una fase di sviluppo ma riesci già a sentire la velocità che, paragonata a un'auto normale, è piuttosto... diversa! Il carico aerodinamico è incredibile e ha un aspetto super aggressivo, è stato molto divertente guidarla", ha raccontato Max. 

La collaborazione tra Aston e Red Bull Advanced Technologies, che ha dato vita alla Valkyrie con motore Cosworth V12 aspirato, da 6.5 litri, proseguirà fino al termine del 2020.

Le supercar più attese nel 2020: la top ten