In seguito ai contagi da Coronavirus in Piemonte e in altre regioni del nord Italia, nella serata del 23 febbraio scorso, il ministro della Salute e il presidente della Regione Piemonte hanno firmato un’ordinanza contenente alcune misure di sicurezza che resterà in vigore - per il momento - fino al 29 febbraio.

Coronavirus, PSA e Honda decidono il rimpatrio dei dipendenti

DEROGA PER I BLOCCHI DEL TRAFFICO

Tra le restrizioni presenti nell’ordinanza, figurano tutte quelle con presenza elevata di pubblico, come eventi sportivi e concerti. A tal proposito, l’assessore regionale all’Ambiente Matteo Marnati, di comune accordo con il governatore Alberto Cirio, ha fatto richiesta al ministro della Salute di integrare nell’ordinanza una disposizione riguardante la sospensione temporanea dei blocchi alla circolazione delle auto private per il trasporto delle persone fino al 29 febbraio.

Coronavirus: crolla mercato auto, Italdesign un dipendente è infetto

LO SCOPO

L’obiettivo - come si legge nella nota divulgata sul sito della Regione Piemonte - è quello di incentivare la fruizione del trasporto privato dei cittadini per limitare il rischio di diffusione del virus per contatto ravvicinato tra persone. L’utilizzo del mezzo privato, infatti, resta ad oggi la forma di spostamento meno rischiosa per chi ha necessità di muoversi in città, anche se, come ricorda la stessa Regione: “La circolare ministeriale impone la disinfezione giornaliera dei treni regionali e dei mezzi di trasporto pubblico locale”. Tale richiesta di deroga è stata, inoltre, concertata con Arpa, la quale conferma che fino al 29 febbraio non sussiste il pericolo di superamenti della presenza di polveri sottili e ossido di azoto.

Coronavirus, Ferrari limita le attività di dipendenti e visitatori