Appena due giorni fa vi abbiamo raccontato la chiusura (“in via del tutto precauzionale”) di Italdesign, dopo che un dipendente nello stabilimento di Nichelino era stato trovato positivo al Coronavirus. Tempo di verificare la situazione e, domani mattina, la sede di Moncalieri – la principale del gruppo piemontese cha fa parte di quello Volkswagen – riprende il normale andamento tra uffici e magazzino, con i suoi 850 lavoratori. Ancora chiusa, invece, la sede di Nichelino: gli 80 dipendenti stanno lavorando da casa in smart working, in modo da non interrompere bruscamente le attività e favorire, una volta in sede, il ritorno alla normalità e alle rispettive mansioni.

La conferma dall’azienda

A dare la notizia, il ceo di Italdesign Jörg Astalosch: “Siamo lieti di annunciare che riapriremo le sedi di via Achille Grandi e via Vittime di Vajont a Moncalieri. La decisione di chiudere è stata presa in via del tutto precauzionale, l'attività quotidiana non si è comunque interrotta grazie al fatto che tutti i dipendenti che hanno potuto, hanno lavorato da casa in Smart Working. Abbiamo sfruttato gli ultimi tre giorni per prepararci a tornare alla normalità, lavorando in parallelo con le autorità sanitarie e con i colleghi del Gruppo Volkswagen. Dunque riapriamo con serenità e consapevolezza, ora siamo più che mai pronti: la prossima settimana ci attende il Salone dell'Auto di Ginevra".

Coronavirus, il Piemonte chiede di sospendere i blocchi auto