Italiani popolo di automobilisti. Secondo uno studio effettuato dall’Osservatorio Autopromotec, nel nostro Paese ci sono 40 milioni di patenti di guida valide. Nello specifico, a gennaio 2019, le patenti attive in Italia ammontano a 39.074.955, il 10 % in più rispetto al 2010, quando la cifra si “fermava” a 35 milioni circa.

Il nostro approfondimento sul nuovo Codice della Strada

DUE MOTIVAZIONI FONDAMENTALI

Il dato fa ancora più impressione se pensiamo che il nostro Paese conta più o meno 60 milioni di abitanti. Lo studio dimostra quindi in maniera inequivocabile come gli italiani non riescano a rinunciare alla propria auto, divenuta ormai oggetto fondamentale della vita quotidiana.

Le motivazioni di un numero così alto di patenti attive, secondo lo studio dell’Osservatorio Autopromotec, sono fondamentalmente due: il senso di indipendenza e libertà che il possedere una macchina provoca, e la mancanza di fiducia verso un sistema del trasporto pubblico, considerato dai più inefficiente.

LE REGIONI SPECIFICHE

Andando nello specifico, la regione che ha registrato il maggior aumento di patenti attive in Italia dal 2010 al 2019 è il Trentino-Alto Adige (+21,3 %), seguito nella top 3 da Lombardia (+19,3 %) ed Emilia-Romagna (+13,5 %). A livello assoluto di numero di patentati, medaglia d’oro per la Lombardia (6,5 milioni), Lazio (3,7 milioni) e Campania (3,4 milioni).

Le regioni che invece, parlando di incremento del numero di patenti negli ultimi dieci anni, rimangono indietro sono Liguria (+ 6,4 %), Sardegna (+ 5,4 %) e Campania (+4,6 %).

Omicidio stradale, patente revocata: sentenza storica a Milano