In piena pandemia di coronavirus, registrare lo stop alla produzione auto negli impianti europei è diventato un aggiungere siti produttivi a un lungo elenco. Misure che prendono atto dell'incremento dei casi di contagio in tutta Europa, i contraccolpi generati dalle forniture esterne, fino al prendere atto del calo del mercato auto. Le misure annunciate lunedì dal Gruppo PSA e dal Gruppo FCA dicono dell’interruzione fino al 27 marzo prossimo.

Gli impianti fermati in Italia

In Italia sono gli stabilimenti di Melfi, Pomigliano d’Arco, Cassino, Mirafiori, Grugliasco e Modena, a essere interessati dalla decisione del gruppo, con ripercussioni ovviamente anche sulla produzione Maserati, all’estero FCA ferma - nuovamente, dopo lo stop dettato dai ritardi nelle forniture in fase di COVID-19 al culmine in Cina - il sito serbo di Kragujevac, mentre in Polonia lo stop interessa Tychy.

Coronavirus, autocertificazione online: il modello da tenere sul telefono

Si tratta di chiusure delle linee produttive che giungono dopo i provvedimenti assunti in precedenza, di incremento delle distanze tra le postazioni dei lavoratori in fabbrica, misure di igenizzazione supplementare degli ambienti, i provvedimenti destinati alle mense. Continueranno a operare da casa, in regime di smart working, i dipendenti delle strutture amministrative, chi opera in ufficio.

Aspettando la ripartenza

“Il Gruppo utilizzerà queste sospensioni produttive per attuare revisioni dei processi di produzione e controllo qualità a beneficio dei propri clienti e della produttività complessiva.

Il Gruppo sta lavorando con i propri fornitori e partner affinché, nonostante la sospensione produttiva, gli stabilimenti possano raggiungere i livelli di produzione totali precedentemente pianificati nel momento in cui riprenderà la domanda da parte del mercato”, spiega la nota con la quale è stata resa nota l’interruzione della produzione.

Coronavirus, possibile sospensione RC Auto in Italia

PSA stop differenziati

Da FCA alla futura partner PSA. Il Gruppo diretto da Carlos Tavares ha annunciato che fermerà i siti produttivi fino al 27 marzo ma con un avvio delle chiusure differenziato. Lunedì si sono fermate le linee di Mulhouse in Francia e Madrid, martedì toccherà a Roissy, Rennes, Sochaux, Saragozza, Eisenach, Russelsheim, Ellesmere Port e Gliwice; da mercoledì chiuderanno gli stabilimenti di Hordain, Vigo, Mangualde, infine giovedì stop a Luton e Trnava.

Ferrari ferma per 2 settimane

Cambia regime operativo la Ferrari. Dopo l’annuncio della presenza a Modena e Maranello limitata nel personale, il Cavallino ha deciso l’interruzione dal 14 al 27 marzo, con l’a.d. Louis Camilleri a rivolgersi ai dipendenti: “In un momento come questo, i miei ringraziamenti vanno prima di tutto alle persone della Ferrari, che con il loro straordinario impegno in questi ultimi giorni hanno dimostrato l’attaccamento e la passione che contraddistingue il nostro marchio.

Assieme ai nostri fornitori, sono stati loro a garantire fino ad adesso la continuità aziendale. È proprio nel loro rispetto e per la tutela della loro serenità e di quella delle loro famiglie, che abbiamo preso questa decisione. Ferrari ha a cuore naturalmente anche i propri clienti e i propri fan, e per loro ci faremo trovare pronti a una grande ripartenza”.

Coronavirus, autocertificazione: il modello da tenere sul telefono