Si fanno sempre più numerose le raccolte fondi a sostegno della battaglia contro la pandemia coronavirus. Celebrità che fanno importanti donazioni, aziende che convertono la loro produzione per realizzare mascherine e adesso è il turno dell’Automotoclub Storico Italiano. Insieme all’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e con il coordinamento della presidenza del Consiglio, l’ente ha dato il via a una raccolta fondi “Insieme per fermare il Covid”. L’Asi ha contribuito donando un milione di euro, provenienti dai fondi che, secondo il bilancio di previsione del 2020, avrebbero dovuto servire alla realizzazione di progetti di tutela e promozione del motorismo storico. Manifestazioni, eventi e iniziative che non potranno svolgersi a causa dello stato di emergenza sanitaria per il coronavirus e che, adesso, saranno un aiuto per l’Italia.

Coronavirus e auto, in Europa a rischio 14 milioni di posti di lavoro

Come donare

La raccolta fondi è partita lo scorso 16 marzo. Per saperne di più e capire le modalità di donazione, basta andare sul sito www.fermiamoilcovid.it. Il denaro raccolto sarà immediatamente destinato a interventi locali a carattere d’urgenza (per esempio l’acquisto di respiratori per le terapie intensive) e ad altre esigenze che l’evoluzione dell’emergenza renderà prioritarie.

Tra gli obiettivi primari dell’associazionismo c’è sempre la solidarietà”, ha dichiarato Alberto Scuro, presidente Asi. “Abbiamo sospeso tutte le iniziative in programma nei prossimi mesi e il Consiglio Federale ha deciso di devolvere le somme ad esse destinate per contribuire in maniera significativa a questo progetto”.

Coronavirus, Ferrari vuole produrre ventilatori e respiratori