Dalle due di ieri notte tutte le autostrade della Sicilia saranno gratis per tutti gli automobilisti, sia cittadini e sia trasportatori di merci. Il pagamento del pedaggio autostradale è stato sospeso nella A-18 Messina-Catania e A20 Messina-Palermo, a causa dell'emergenza sanitaria COVID-19. Ad approvare l'iniziativa sono stati, dopo una approfondita valutazione del vice ministro Cancelleri, il Governatore Musumeci, l’assessore Falcone e il consorzio Autostrade siciliane, presieduto da Franco Restuccia.

Le poche vetture in circolazione, la preoccupazione dei casellanti che chiedevano di avere maggiori forme di tutela anticontagio per il coronavirus e l'opportunità di azzerare i costi di pedaggio per i mezzi pesanti impegnati in queste settimane a rifornire le filiere produttive di prima necessità, sono stati fondamentali per rendere gratuito l'ingresso alle autostrade siciliane. Una misura che già era valida per operatori sanitari e rifornitori del settore agroalimentare.

RC Auto al risparmio, ecco quanto calano i prezzi delle polizze

Sospensione per tutti gli automobilisti

Una decisione presa dal Consorzio Autostrade siciliane e comunicata da Marco Falcone, assessore regionale alle Infrastrutture:

"Il Consorzio autostrade siciliane ha stabilito la sospensione totale del pedaggio per tutti gli utenti delle autostrade isolane. Lo aveva già fatto per medici, infermieri e operatori del 118 impegnati nella battaglia contro il coronavirus ed autotrasportatori, settore fondamentale per l'approvvigionamento di beni di prima necessità e derrate alimentari. Oggi arriva l'ulteriore estensione. Un'azione in linea con le aspettative degli automobilisti nel pieno di un'emergenza inedita e drammatica.

Questa iniziativa restituisce ulteriore dignità a un'ente che, fino a poco tempo fa, era un carrozzone e che oggi, sotto la guida del Governo Musumeci, ha imboccato un percorso di risanamento che porterà a dare un nuovo volto alle autostrade Messina-Palermo, Messina-Catania e Siracusa-Gela. Grazie all'Ente e al Ministero delle Infrastrutture".

Nuova autocertificazione aggiornata al 26 marzo: SCARICA QUI il modulo pdf