BMW Serie 2 Active Tourer avrà un nuovo capitolo. Lo sviluppo dei muletti prosegue e gli ultimi avvistamenti arrivano dai campi di prova in nord Europa, sulle nevi per verificare i sistemi in condizioni di freddo estremo.

Il monovolume continuerà sull’architettura FAAR, adottata sui modelli compatti di BMW e la gamma MINI. Alcune modifiche le registreremo nelle dimensioni, il passo potrebbe essere più ampio degli attuali 267 centimetri, tuttavia gli ingombri esterni in lunghezza non dovrebbero variare. Ergo: più spazio a bordo e sbalzi ridotti.

Si andrà verso una gamma composta esclusivamente dal modello 5 posti, superando l’offerta di Serie 2 Gran Tourer, la 7 posti da 4,57 metri (+22 cm) e un passo 11 centimetri più lungo rispetto ad Active Tourer.

Interni, novità in arrivo

Le proporzioni del monovolume non cambiano significativamente e, quanto al design, gli sviluppi più evidenti li avremo nel disegno dei fari posteriori, con stilemi della famiglia Serie 1. Un importante rinnovamento e cambio di linguaggio potrebbe debuttare all’interno.

I muletti sfoggiano, infatti, una strumentazione con pannello digitale privo di qualsiasi cornice o palpebra, affiancato da un secondo display in stile tablet – dedicato alla multimedialità – e posto al centro della plancia. Potrebbe risultare, la strumentazione, un tratto di differenziazione rispetto ad altre proposte BMW compatte, non dimentichiamo come in casa MINI, su GP e MINI elettrica, siano state introdotte specifiche di strumentazione in tale direzione.

Un altro particolare degno di nota, apparso su nuova BMW Serie 2 Active Tourer, un volante con pulsanti a sfioramento sulle razze.

BMW, investire per ripartire