C’è spazio nella gamma Koenigsegg per offrire un nuovo modello, accanto a Regera, Jesko e Gemera? Non nell’immediato, né sembra essere in programma. Tuttavia, Christian von Koenigsegg e Sasha Selipanov di Raw Design House, dallo scorso ottobre partner nell’area design di Koenigsegg, hanno seguito il progetto di Esa Mustonen.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il listino di Auto

Designer finlandese - già a respirare l'aria dell'azienda con un tirocinio - ha prodotto una tesi di laurea presso il Lahti Institute of Design concretizzata in un concept digitale, il Raw by Koenigsegg Thesis Project.

La ricerca e la cura nel progettare il concept sono assolutamente reali, l’idea è di guardare a una futura Raw by Koenigsegg, una sorta di sub-brand per proporre una hypercar un po’ diversa a quanto ci ha abituato l’azienda svedese.

Così Regera è da record sullo 0-400 km/h-0

Le caratteristiche della Raw by Koenigsegg

Settecento kg per 700 cavalli, la formula di partenza. La leggerezza del monoscocca in carbonio e di un corpo vettura compattissimo, dall’avanzata ricerca aerodinamica, con tanto di diffusore attivo e variabile nell’ampiezza dei canali. Fino al motore, il turbo 2 litri tre cilindri con sistema di distribuzione Free Valve.

L’idea di stile ha alcuni punti di contatto con il dna Koenigsegg, nel design del parabrezza avvolgente con le vetrature laterali, nel tetto a doppia bolla, fino alle portiere con cinematismo rotante, però dall’apertura controvento.

Sfoglia il listino delle auto nuove: tutti i modelli sul mercato

All’interno, l’abitacolo è in una configurazione 1+2, pilota in posizione centrale, strumentazione in primo piano e due schermi retrattili che si possono estendere fino ai passeggeri posteriori.

Design, spigoli lontani da Koenigsegg

Molto diversa, invece, la chiave di lettura tutta spigoli che caratterizza il frontale, avvicinandolo a una barchetta Sport Prototipo, con i gruppi ottici intorno alla “bocca” che è anzitutto un condotto di gestione dei flussi in funzione aerodinamica, collegato alle aperture ricavate sulle portiere, di fatto dei maxi-deviatori di flusso.

Un bel progetto per sognare una futura hypercar estrema non già per la potenza assoluta quanto per il rapporto peso-potenza.