Gli ultimi chilometri di sviluppo, poi la presentazione – attesa a giugno, secondo le ultime indiscrezioni – e sarà allora che nuova BMW Serie 4 Coupé dovrà rivelare, ufficialmente, quel che ancora resta sotto le camuffature, avvistato solo dalle immagini sfuggite. Sembra quasi non esista altro discutere se non il tema della calandra, da quanto BMW Concept 4, al Salone di Francoforte dello scorso anno, ha dettato la linea che verrà seguita da BMW i4 e da BMW Serie 4 Coupé.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il listino di Auto

Altro di cui discutere, intorno al nuovo progetto, c’è eccome. A partire dalle soluzioni di assetto, per evidenziare quell’impronta sportiva che la coupé media dovrà incarnare, tanto più nella versione BMW M440i xDrive Coupé, ultimo anello prima di una BMW M4 da oltre 500 cavalli, gemella di nuova M3.

Assetto Serie 4, così diventa sportiva

I tecnici hanno lavorato per irrigidire la scocca, architettura CLAR condivisa con Serie 3. Largo ai braccetti a "legare" duomi e paratia tagliafuoco alla base del parabrezza, elementi ulteriori intorno al motore, fino all’irrigidimento – con benefici sulla stabilità in rettilineo e in fase di accelerazione fuori dalle curve – prodotto al retrotreno.

Sarà 57 mm più bassa, complessivamente, in altezza rispetto a Serie 3, di fatto andrà a ricalcare i 138-139 cm di altezza dell’attuale generazione di BMW Serie 4. Un progetto caratterizzato da un baricentro ridotto - ancora, il paragone è con Serie 3 - e differenti geometrie delle ruote anteriori, dotate di una campanatura negativa accentuata, 0,8 gradi in più. Il controllo elettronico delle sospensioni prevede la presenza di ammortizzatori adattivi.

Design, coda Serie 8

Così andrà su strada la coupé, dalla quale possiamo attenderci una gestione elettronica della frenata ispirata a Serie 8, una sorta di sorella maggiore che ne ispira il design del retrotreno. Il rastremarsi della cellula abitacolo è accentuato dai passaruota ampi (23 mm più larghe le carreggiate rispetto a Serie 3) e chiude su una coda dotata di un labbro per migliorare il distacco dei flussi aerodinamici.

Motore 3 litri con il mild-hybrid per la M440i

M440i xDrive porta su strada il sei cilindri 3 litri twin turbo da 374 cavalli e un supporto di 11 cavalli garantito dallo starter-generatore a cinghia, alimentato da una batteria dedicata a 48 volt. Avanti con il mild-hybrid, in chiave sportiva dà una spinta in più in accelerazione, in chiave “green” aiuta la ripartenza dell’auto, riducendone i consumi.

Sfoglia il listino BMW: tutti i modelli sul mercato

Il sistema xDrive è accoppiato a un differenziale sportivo M al retrotreno, caratterizzato da una ripartizione della coppia tra le ruote prodotta dall’azione di un motorino elettrico nel chiudere i pacchi frizione. Trazione trasmessa passando dal cambio Steptronic Sport 8 marce.

Adas, raddoppia la camera frontale

Interessanti innovazioni tra stile e funzione le ritroveremo sui fari anteriori, già i muletti anticipano la presenza di singoli elementi a led all’interno del proiettore principale, è prevedibile che BMW introduca un ulteriore sviluppo tecnologico.

Al centro della calandra, in fase di sviluppo ancora con il tentativo di suggerire un disegno a sviluppo orizzontale, “depistando” da forme che saranno differenti, verticali, si nota infine una seconda camera dedicata al funzionamento degli Adas, oltre al classico elemento installato dietro il parabrezza.

Auto Focus con Massimiliano Di Silvestre (BMW-Mini)