Bugatti Divo è una delle auto più costose ed esclusive delle sua epoca. Non solo per il prezzo, a partire da 5 milioni di euro, per i 40 esemplari, tutti aggiudicati, per la potenza del noto W16 da 1500 cavalli (380 km/h) e la struttura alleggerita e l’aerodinamica evoluta rispetto a Chiron che le permettono di essere più performante (1,6 g di accelerazione laterale).

Divo, l'erede di Chiron ai nastri di partenza

Divo è una hypercar ambita e personale. Bugatti ha voluto rendere pubbliche alcune delle specifiche richieste dai clienti.

Anche se sono solo quaranta, l’imperativo, condivisibile quando si arriva a livelli smisurati in ogni aspetto, è differenziarsi. Bugatti ha ammesso che due terzi (si fa presto, 26 o 27) dei clienti ha deciso di scegliere colori e materiali su misura: e anche alcuni particolari di stile. 

I primi approcci ci sono stati nel 2018 e i milionari (altro non possono essere) si sono recati a Molsheim per definire le loro preferenze. Rimanendo sempre aggiornati.

Le richieste più particolari

Alcuni hanno ripetuto la configurazione di un modello precedente, altri hanno messo le impronte dei figli, la bandiera del proprio Paese, il nome dell’azienda, l’araldo familiare.

Ovviamente nel mare magnum delle personalizzazioni ci sono pelli, tessuti, tinte che si possono anche inventare, livree bicolore. Smoderato caleidoscopio, ma da cinque milioni di euro.

Bugatti e i test ai tempi del Coronavirus