Maggio ‘56, una Formula 1 ancora giovane – dove oggi celebra i suoi 70 anni – registrava Maserati e Stirling Moss trionfare a Montecarlo. Cento giri, dal primo all’ultimo con l’inglese al comando, al volante della 250F.

Maggio ‘20, oggi, pochi mesi dal settembre che sarà data d’esordio di Maserati MC20, la casa del Tridente omaggia sir Stirling Moss, scomparso il 12 aprile scorso all’età di 90 anni.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il listino di Auto

Non corse mai per Ferrari ed è tra i grandissimi a non aver mai vinto un mondiale di Formula 1. Corse con Maserati, nel ‘56 e ‘57, e nel 1958 nella Corsa dei Due Mondi a Monza – una kermesse che riuniva piloti e macchine di Formula 1 contrapposti a piloti e macchine utilizzate a Indianapolis – su una Eldorado; prima, al volante delle Maserati Tipo 60 Birdcage, Tipo 61 e 300S.

MC20 per il ritorno Maserati alle corse

I muletti della MC20, supersportiva a motore centrale che riporterà Maserati nelle competizioni, con l’Endurance possibile approdo, proseguono lo sviluppo e lo fanno con una livrea omaggio al campione inglese. Oltre la ricorrenza, il 13 maggio segnato in rosso, l’esemplare rappresenta meglio le linee della due posti a motore posteriore centrale, soprattutto in coda.

Ampia, con due sfoghi d’aria dal cofano motore sul quale si intravede una retrocamera che agevolerà le manovre, vista la prevedibile assenza del lunotto. Aria che andrà ad alimentare un’aerodinamica attiva, con la sezione centrale dello spoiler disegnata per nascondere un sistema che potrebbe prevedere il “cassettino” o uno spoiler mobile.

Sfoglia il listino Maserati: tutti i modelli sul mercato

Il tetto in fibra di carbonio a vista e un frontale sempre più definito verso gli stilemi Maserati, completano le anticipazioni di un progetto che sarà il primo a montare il nuovo propulsore disegnato, sviluppato e prodotto da Maserati. Gli indizi dicono di un sei cilindri a V, sul quale integrare anche una componente elettrica in una fase successiva.