Offrire su vetture piccole soluzioni normalmente esclusive di auto potenti e costose. È questa, da oltre 70 anni, la filosofia di Abarth. A partire dalle Fiat e Autobianchi allestite il secolo scorso fino alla moderna 695, che nella versione 70° Anniversario offre un accessorio tipico delle vetture supersportive: lo spoiler ad Assetto Variabile. Oggi, pochi mesi dopo il lancio, la Casa dello Scorpione svela come è nata questa soluzione, tra galleria del vento e pista.

Jeep Compass, arriva l'italiana prodotta a Melfi

Tra galleria e pista

Quello proposto sulla Abarth 695 70° Anniversario è uno spoiler regolabile manualmente a vettura ferma, che può essere impostato su 12 diverse posizioni. La prima è la regolazione neutra, con l’ala posta a 0°. Lo spoiler può poi essere inclinato a seconda dello stile di guida e del circuito che si intende affrontare, fino a una inclinazione massima di 60°. Abbastanza da creare 42 kg di carico aerodinamico a 200 km/h.

L’ala è stata sviluppata con un doppio lavoro in “laboratorio” e in pista. La progettazione dell’elemento è infatti iniziata nella galleria aerodinamica full scale di Orbassano, dove FCA testa le vetture a livello aerodinamico. Il collaudo è invece avvenuto sul circuito di Vallelunga, vicino Roma. Ed è proprio la pista di Campagnano a testimoniare come lo spoiler regolabile influisca effettivamente sulle prestazioni: i tecnici Abarth hanno infatti rilevato che nel “Curvone” di Vallelunga lo spoiler riesce a ridurre le correzioni sullo sterzo fino a quasi del 40%, migliorando fruibilità e facilità di guida.

FCA-PSA, niente dividendi ma la fusione non si ferma

Stessa filosofia da 70 anni

Nello sviluppo di questa soluzione la Casa dello Scorpione si è ispirata al “concetto di performance” di Karl Abarth, che andava oltre la pura prestazione. “Con lo stesso spirito abbiamo realizzato lo Spoiler ad Assetto Variabile – ha spiegato Luca Napolitano responsabile del brand nell’area EMEA – Si tratta di una delle migliori e più iconiche soluzioni aerodinamiche per una vettura stradale sviluppato partendo proprio dalla filosofia del nostro fondatore che aveva studiato l'aerodinamicità in pista e sulle strade di tutti i giorni. La massima espressione dell’applicazione degli studi di aerodinamica si ritrova nel famoso e pluri-vittorioso “siluro d’argento” Abarth 1000 Bialbero Record Pininfarina del 1960, che realizzò numerosi record di velocità e, successivamente, le altrettante famose Abarth 1000 Corsa che nel 1966 furono tra le prime auto al mondo ad adottare uno spoiler in resina”.

La 695 70° Anniversario è solo l’ultima di tante serie ed edizioni speciali che hanno visto come protagonista la 500 Abarth. Dotata di un motore turbo a benzina da appena 1,4 litri, la 695 garantisce 180 cavalli e 250 Nm, con prestazioni assolutamente sorprendenti per una citycar del segmento A: 225 km/h di velocità massima e 0-100 in 6,7 secondi. Segno che lo spirito di Karl Abarth è rimasto intatto in oltre 70 anni di Storia.

Alfa Romeo, il 2020 Made in Italy riparte da Stelvio, Giulia e GTA