Charles Leclerc vestirà i panni di attore, anche se solo per un giorno. Il pilota monegasco, insieme alla Ferrari, sarà protagonista di un remake del cortometraggio “C'etait un rendez vous”. Datata 1976, la breve pellicola mostrava una folle corsa attraverso le strade di Parigi da parte di un uomo che doveva giungere in tempo all’appuntamento con la fidanzata. Una trama che verrà ripresa con il nuovo protagonista Leclerc.

Ferrari, SF90 Stradale Spider tra le novità 2020

Salto nel presente

Diretto dal regista Claude Lelouch, il cortometraggio originale durava nove minuti, quasi tutti occupati da scene di guida mozzafiato. A bordo di un’auto tra le più esclusive possibili, per l'epoca: la Ferrari 275 GTB che “recita” per tutto il filmato con la voce del suo V12.

Ora, nel remake, sarà nuovamente una Rossa a interpretare il ruolo di star. A essere “scritturata” è stata la moderna hypercar SF90 Stradale, lanciata lo scorso anno come non plus ultra dell’attuale produzione di Maranello. Dotata di un V8 a benzina biturbo e dotata di un sistema ibrido che ne aumenta la potenza, sprigiona complessivamente 1.000 cavalli e garantisce prestazioni degne di tali premesse: velocità massima di 340 km/h e accelerazione da 0 a 100 in 2,5 secondi.

A gestire un’auto con un tale potenziale sarà Charles Leclerc, pilota della Scuderia Ferrari e vincitore di due gran premi nella sua prima stagione a Maranello. Leclerc guiderà la vettura sulle strade di Montecarlo, suo luogo natale, diretto dal regista del cortometraggio originale Claude Lelouch. Le riprese avverranno questa domenica 24 maggio. Non una data casuale: questo week end era infatti previsto il gran premio di Montecarlo di Formula 1, che non sarà disputato per la prima volta dal 1954.

Ripartenza dal cinema

Un’operazione, questa del remake, non solo votata alla nostalgia, ma determinata a guardare verso il futuro. “Questo primo ciak del cinema francese dopo la fase di lockdown – spiega Ferrari – segnerà simbolicamente un graduale ritorno a una nuova normalità e la ripresa dell’industria cinematografica”. Ma non solo. La stessa Rossa ha ripreso in queste settimane le attività ordinarie di produzione delle vetture, e da poco sono ripartiti anche i membri del team di Formula 1.

Ferrari, bene primo trimestre 2020: +4,9%