In Italia e in Europa per il mito a stelle e strisce su quattro ruote bisognerà aspettare il 2021. Chevrolet Corvette Stingray C8, la prima generazione con motore centrale dell'icona americana, arriverà con qualche mese di ritardo causa questa maledetta pandemia.

Cavauto, specialista di auto d’oltreoceano e importatore ufficiale del Marchio, ha ufficializzato lo sbarco leggermente posticipato. Si tratta di un modello epocale, che promette un rendimento, in strada e in pista, eccezionale.

Corvette Convertible, la seconda rivoluzione dell'Hard Top

Il passaggio al motore centrale dagli innamorati delle Vette è stato vissuto come un tradimento, ma le premesse sono promettenti. 

Per l’Italia le versioni saranno dotate di allestimenti piuttosto ricchi, come conferma il prezzo. Che partirà, ipt e messa in strada escluse, per la Corvette Stingray C8 Coupé  da 102.500 euro e da 109.680 euro per la Convertible.

Si tratta in fatti degli allestimenti Launch Edition, dotati delle sospensioni Magnetic Ride Control e con il pacchetto Z51 Performance, che comprende la regolazione manuale della taratura delle sospensioni, l’impianto frenante Brembo con dischi maggiorati e prese d’aria anteriori per il raffreddamento, il differenziale elettronico a slittamento limitato, il rapporto dell’asse posteriore più corto, il sistema di scarico Performance, il pacchetto aerodinamico con splitter anteriore e spoiler posteriore per massimizzare downforce e stabilità, e  gli pneumatici Michelin Pilot Sport 4S.

Più avanti saranno disponibili le versioni 2LT, sempre con il pacchetto Z51, i sedili climatizzati, il display centrale da 12" dotato di Performance Data Recorder, l'head-up display e l’impianto audio Bose.

Henessey porta a 1.200 cavalli la C8

AUTOMOTIVE.LAB - Solo i curiosi scopriranno il futuro dell'auto