Alfa Romeo prepara la riapertura del Museo di Arese dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia. Si riparte il 24 giugno, non una data casuale: quel giorno infatti la Casa del Biscione compirà 110 anni, portando il marchio nel fulcro delle celebrazioni dedicate all’importante anniversario. Il Museo costituirà il centro delle iniziative, con un’apertura straordinaria di aree normalmente chiuse al pubblico.

FCA Heritage, l'auto storica italiana arriva sui social

Nel backstage del museo

Per celebrare i 100 anni del marchio, Alfa Romeo ha deciso di aprire ai visitatori il “backstage” del Museo, ovvero quell’area in cui vengono conservati tutti i pezzi normalmente non esposti. Oltre 150 auto, senza contare i motori, i modellini e altri cimeli legati al mondo del Biscione, tra cui spicca perfino un motoscafo. Si tratta di vetture che vengono esposte solo in occasione di mostre particolari, nel Museo Alfa o in altre sedi, e che per la prima volta sarà possibile ammirare integralmente. L’area visitabile sarà estesa anche ai due piani dell’ex centro direzionale di Arese, che oggi ospita la collezione privata.

Tra le altre, è stata confermata la presenza nella mostra della nuova Alfa Romeo Giulia GTA, serie speciale della berlina dotata di V6 biturbo da 540 cavalli e realizzata proprio per celebrare i 110 anni del marchio. Il Museo negli ultimi mesi è stato parzialmente riorganizzato, anche per garantire il rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid. Il percorso si svilupperà su tre aree tematiche: Timeline, Bellezza e Velocità. In programma anche due conferenze, il 27 giugno quella dedicata alla Spider Monoposto concept, mentre il giorno successivo verrà approfondito il tema della trazione integrale Q4 della 164. Tra i cimeli più insoliti che potranno essere ammirati, l'aereo Sai Ambrosini 1001 Grifo che nel 1949 fu protagonista del raid Milano-Buenos Aires a scopo benefico.

Alfa Romeo Montreal, concept "elegante e sexy"

Anniversario in sicurezza

L’inaugurazione del nuovo percorso è prevista per il 24 giugno, con apertura alle 10 e chiusura alle 18. Lo stesso orario verrà osservato fino al 28 giugno, poi il Museo sarà accessibile solo sabato e domenica. Necessaria la prenotazione, per evitare assembramenti e rispettare le norme di distanziamento sociale (i gruppi potranno essere costituiti al massimo da 10 persone, e all’ingresso la temperatura di ogni visitatore verrà verificata con un termo scanner). Il 24 giugno inoltre, nella data del 110° anniversario della fondazione del marchio, la pista del complesso museale verrà messa a disposizione degli alfisti per le parate dedicate al Biscione. Questa opportunità verrà estesa anche ai week end.

Alfa Romeo 16C Bimotore: la sua storia

AUTOMOTIVE.LAB - Solo i curiosi scopriranno il futuro dell'auto