Fiat Chrysler Automobiles è riuscita a bloccare le importazioni negli USA dei pezzi per l’assemblaggio di Mahindra Roxor, perché il modello indiano è troppo simile a Jeep CJ, l’erede diretta, per design, della iconica Willys, vero archetipo del fuoristrada dal dopoguerra ad oggi.

La International Trade Commission ha confermato, anzi reso ancora più duro, il giudizio riportato a novembre 2019 dal giudice Cameron Elliot alla commissione.

Jeep Wrangler, la prova su strada

Si chiama, con una pragmatica ed efficace definizione, violazione del trade dress. Mahindra Roxor nello stile richiama esplicitamente Willys, o CJ o anche l’attuale Wrangler, andando a danneggiare direttamente le vendite e il valore dell’originale modello americano.

Soprattutto per quanto riguarda la griglia a feritoie verticali, riconoscibile su ogni Jeep del passato e del presente. Il giudice Elliot però non aveva trovato nessuna violazione del trademark.

Mahindra a inizio anno aveva presentato l’aggiornamento di Roxor, priva della suddette feritoie. A nostro parere, l’aspetto era rimasto in ogni modo troppo simile all’americana. Anche secondo la International Trade Commission, che ha bloccato il modello.

Mahindra certamente tornerà all’attacco perché un piccolo fuoristrada - a buon mercato - negli USA potrebbe portare ottime vendite.

Non sarà però Roxor. FCA dalla parte del giusto? A giudicare dalle immagini i dubbi non dovrebbero essere molti.

Mahindra KUV100 NXT a GPL in Italia

AUTOMOTIVE.LAB - Solo i curiosi scopriranno il futuro dell'auto