Una lettera, in più o in meno, alle volte fa la differenza. Per esempio, si capisce che dalle parti di Monaco di Baviera si inizia a fare sul serio, per quanto riguarda il capitolo prestazioni, quando appare quel carattere magico che è la M.

Infatti, dopo la Serie 5, ecco il restyling della sua versione pompata, la BMW M5, berlina da corsa che non cresce nella potenza, i cavalli sotto al cofano restano “solo” 600 come la versione precedente, ma debutta con piccole novità dal punto di vista estetico e meccanico. L’output di potenza non cambia nemmeno per la M5 Competition, confermata a 625 cavalli.

Cosa cambia fuori

Gli interventi estetici sono subito evidenti sul frontale. Rispetto alla Serie 5, crescono le dimensioni del doppio rene e delle prese d’aria per garantire una respirazione più efficiente al motore. Cambiano leggermente i fari anteriori, come pure gli specchietti, ridisegnati per avere un profilo più aerodinamico. I flussi d’aria sotto la vettura sono incanalati verso il nuovo diffusore che, ai lati, ha i 4 terminali dell’impianto di scarico, anch’esso rinnovato e dotato di valvole a controllo elettronico. Allo stile, si accompagna un lavoro di contenimento di pesi, infatti il tetto è in CFRP. L’assetto è da 19”.

Per la M5 Competition sono previste riverniciature in nero lucido su alcune parti, come specchietti, spoiler e griglia e l’assetto da 20”.

Abitacolo sportivo

Nell’abitacolo troviamo la stessa impostazione vista sulla Serie 5, in declinazione più sportiva. Il restyling porta in dote lo schermo da 12,3” al centro della plancia, attraverso il quale si accede all’infotainment e alle schermate per le informazioni specifiche previste per i modelli ad alte prestazioni.

Due sono le opzioni per i sedili: di serie sono offerti quelli sportivi, a richiesta la versione elettrica multifunzione con il poggia testa integrato e il logo retroilluminato.

Cerchi un'auto usata? Consulta il nostro listino

Come la M8

M5 e M5 Competition ricevono in dote dalla Serie 5 lo stesso pacchetto tecnologico che riguarda l’elettronica e gli ADAS. In più possono contare su settaggi specifici per le tarature più sportive di motore, telaio, sospensioni, e risposta di sterzo e acceleratore attivate dai tasti M1 e M2 e sulla modalità “Track” quella estrema riservata per la pista.

Come abbiamo detto all’inizio, il motore non è stato toccato. Sotto al cofano batte sempre il 4.4 biturbo da 600 cv e 750 Nm di coppia, pompato a 625 per la M Competition, abbinato al cambio automatico a 8 rapporti e alla trasmissione integrale xDrive. Al posto di aumentare la potenza di fuoco, la Doppia Elica ha preferito lavorare di fino sull’assetto, trapiantando le sospensioni della M8, migliorando il telaio e installando l’impianto frenante M con dischi autoventilanti e pinze a 6 pistoncini.

I prezzi, in Germania, partono da 120.900 euro per la M5, mentre bisogna aggiungerne altri 9.000 per mettersi in garage la M5 Competition.

Clicca qui e consulta la gamma BMW completa 

AUTOMOTIVE.LAB - Solo i curiosi scopriranno il futuro dell'auto