Stile sportivo e senza tempo, firmato Pininfarina, e un carattere decisamente grintoso. Sono queste le caratteristiche che, dagli anni ’60, hanno permesso alla Fiat 124 Spider di conquistare i cuori di migliaia di automobilisti. A distanza di oltre mezzo secolo dal lancio, la scoperta torinese conserva tuttora una folta schiera di appassionati ed estimatori. Tra loro spicca Johnny Fargas-Diaz, che ha deciso di trasformare la sua 124 Spider gialla in una supercar estrema, montando sulla storica Fiat un V8 di origine Ferrari-Maserati.

Abarth Scorpione, la sua storia

Spider da record

Fargas-Diaz, giovane appassionato di origini sudamericane residente a Kansas City, nel Missouri, ha dedicato al progetto un canale YouTube e delle pagine su Instagram e Facebook, e da mesi lavora per adattare la vettura a ospitare un motore a otto cilindri. Si tratta di un propulsore F136 di origine Ferrari, usato dal Cavallino sulle F430 e 458 Italia, da Alfa Romeo sulla 8C Competizione e su diversi modelli Maserati. In particolare, l’esemplare destinato alla 124 Spider del giovane è stato preso da una Quattroporte.

In versione originale, la 124 era dotata di motori a 4 cilindri da 1,4 a 2 litri, con potenze fino a 118 cavalli. In precedenza, Fargas-Diaz aveva montato sulla sua Spider un turbo da 2,3 litri. Ora la grande sfida con il V8 Ferrari-Maserati, che dovrà garantire alla piccola sportiva italiana 500 cavalli.

Per sopportare un tale aumento di potenza, la Fiat 124 Spider sta subendo una serie di modifiche meccaniche. Telaio rinforzato, carrozzeria modificata per ospitare la mole del V8, e la trasmissione affidata a un nuovo cambio manuale T-56 a 6 marce. Inoltre, sempre pe dare più spazio al motore, il radiatore è stato spostato nella parte posteriore dell’auto, mentre per dare maggiore sicurezza agli occupanti è stato installato un rollbar. Diverso anche l’assetto, le sospensioni e le gomme, tutte modifiche indispensabili per riuscire a trasformare una elegante Spider d’epoca in una estrema supercar dal motore moderno.