Dopo Kinto One è la volta di Kinto Go. Il marchio creato da Toyota e lanciato a inizio 2020, con un servizio ritagliato sulle soluzioni di noleggio a lungo termine, sviluppa un’offerta integrata sui servizi per la mobilità.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il listino di Auto

I prossimi passaggi saranno l’introduzione del Kinto Share dedicato al car-sharing, Kinto Join per il car-pooling aziendale e un Kinto Flex mirato sul noleggio in abbonamento.

Più servizi un'unica app

Con Kinto Go si ha accesso, invece, da un’unica applicazione per smartphone a un centro di pianificazione dei propri spostamenti. Un unico account, con il pagamento dei servizi direttamente dal credito presente nel salvadanaio elettronico e ricaricabile, è tutto quel che serve per prenotare i parcheggi, pagare la sosta sulle strisce blu, acquistare un biglietto dei mezzi pubblici o di trasporto privato, fino alla possibilità di chiamare o prenotare un taxi.

Automotive.Lab: mobilità sostenibile, quali progetti

L’accentramento dei servizi si presenta come un punto forte dell’applicazione, che conta una rete di 500 operatori di mobilità e copre attualmente 5.000 città italiane e il 70% del territorio.

Un esempio pratico della funzionalità della app è la programmazione di un viaggio, con le soluzioni migliori – tra bus, metro, treno – presentate e acquistabili in un’unica transazione.

Oltre a pianificare gli spostamenti si potranno acquistare biglietti per eventi specifici e ottenere un itinerario di viaggio mirato. La app è disponibile per dispositivi iOS e Android.

Sfoglia il listino Toyota: tutti i modelli sul mercato