È considerata “l'auto più famosa del mondo”, e vista la sua notorietà a livello globale non sembra una definizione esagerata. Prodotta in meno di 900 esemplari negli anni '60, l'Aston martin DB5 ha conosciuto la fama grazie al suo ruolo da protagonista nel film “Goldfinger”, terzo episodio della saga di 007. Ora la Casa inglese sta completando il primo esemplare della DB5 Goldfinger Continuation, riedizione della mitica GT che verrà prodotta in tiratura limitatissima e con i gadget dell'agente segreto per antonomasia.

Aston Martin Vantage, Revenant restituisce il volto classico

Dal grande schermo alla strada

Dopo gli apprezzati "Agente 007 - Licenza di uccidere” e “A 007, dalla Russia con amore”, “Goldifinger” rappresentò la consacrazione definitiva per James Bond, allora interpretato da Sean Connery. Il film fu un successo al botteghino tanto all'estero quanto in italia, registrando quello che tuttora (al cambio attuale) è uno dei maggiori incassi della storia del cinema.

A decretare la popolarità della pellicola ha contribuito senza dubbio anche l'Aston martin DB5 che Bond guidava sfruttando le sue incredibili dotazioni tecnologiche. Un binomio, quello tra 007 e la Casa di Gaydon, destinato a durare decenni. È su questa eredità che Aston ha deciso di riproporre una versione aggiornata della mitica sportiva, la prima DB5 dopo oltre cinquant'anni dall'ultimo esemplare prodotto.

Aston Martin V8, in vendita a un prezzo record quella di Beckham

Per agenti segreti

Il primo esemplare della DB5 Goldfinger Continuation è in fase di completamento, perfetta in ogni minimo dettaglio. La sua costruzione, completamente artigianale, è stata affidata alle mani più sapienti d'Inghilterra e ha richiesto migliaia di ore di lavorazione. La produzione completa conterà 25 esemplari, tutti realizzati con il massimo della cura.

A rendere uniche queste DB5 saranno una serie di gadget ispirati a quelli del film Goldfinger. Un assortimento di dotazioni che non possono mancare nell'auto di 007: dalle mitragliatrici anteriori al sistema di rotazione della targa, dal dispotivo che sparge fumo per ostacolare gli inseguitori ai sistemi di speronaggio anteriori e posteriori. Anche dentro alla DB5 non manca nulla. La dotazione infatti comprende gadget come la mappa del tracker dello schermo radar, il telefono integrato nella portiera del conducente, il pulsante attivatore del cambio e il telecomando che attiva tutti i dispositivi.

Meccanicamente la DB5 moderna cela un telaio in acciaio rivestito da pannelli in alluminio. Sotto al cofano trova spazio un motore aspirato a 6 cilindri di 4 litri che garantisce 290 cavalli, abbinato a un cambio ZF a 5 marce. Le consegne degli esclusivi e costosi (oltre 3 milioni di euro) esemplari della DB5 Goldfinger Continuation sono in fase di avvio e proseguiranno per tutto il 2020. Per pochi fortunati che avranno la possibilità di sentirsi 007, ma non su strada: per via della sua dotazione, la DB5 del 21° secolo non è omologata per la normale circolazione.

Aston Martin, Tobias Moers è il nuovo CEO