Il non plus ultra dell'americanità in fuoristrada. Jeep Wrangler Rubicon 392 Concept è un prototipo, ma assai prossimo a un modello di serie.

Connubio tra le doti in offroad della Wrangler, il suo stile da quasi otto decenni archetipo di "Jeep" e il motore più celebre dell'anima a stelle e strisce di FCA, il V8 Hemi.

Cuore scatenato

Scusate se è poco, anche se non si tratta di un inedito: in ogni modo l’otto cilindri aspirato con camere di combustione emisferiche manca da quasi quaranta anni sul modello. Era il 5 litri su Wrangler CJ. Stavolta è il 6.4 litri, capace di 450 cavalli di potenza e 610 Nm di coppia. Il probabile ritorno sul mercato non mancherà di in infuocare gli animi.

Un cuore poderoso, in grado di lanciare il fuoristrada da 0 a 96,5 km/h in meno di cinque secondi. Non a caso scatena anche le muscle car di Dodge. E’ abbinato al cambio automatico a otto rapporti,  dotato a sua volta di riduttore Select-Trac e con rapporto finale 3.73.

Wrangler Rubicon 392 è pronta a tutto grazie alla trazione integrale, gli assali rinforzati Dana 44 con autobloccanti Tru-Lok a controllo elettronico. I pneumatici sono per il fuoristrada (37”) montati sua cerchi in lega da 17 pollici.

Jeppe Performance Parts completa il corredo da specialista con l’assetto rialzato di 2 pollici (6,4 centimetri), i paraurti tubolari, il verricello, gli ammortizzatori Fox e le protezioni sotto scocca. Dettagli estetici particolari sono anche la tinta Granite Crystal, le sellerie in pelle Red Rock, il volante sportivo, lo scarico con valvole attive e il tetto Sky One-Touch. Una Wrangler con i controfiocchi.

Jeep Plug-in, al via gli ordini in Italia