Libertà questa volta fa rima con strada. Nessuna pista, nessun recinto che possa contenere forzatamente la potenza stupefacente di una McLaren 570S GT4, l'auto da corsa di maggior successo mai costruita a Woking. La McLaren fa le cose straordinariamente bene e presenta finalmente la nuova McLaren 620 R: tutta la prestazione della sportiva GT esaltata e perfezionata in un'auto che col motorsport non ha nulla a che vedere.

Nessuna restrizione, nessuna gara, nessun podio per la nuova McLaren 620R, che esalta il DNA di un'auto da pista completamente omologata,  e vince la medaglia di vettura stradale più estrema di sempre. Esclusiva ed estrema in egual misura, la McLaren 620R si spoglia dalle restrizioni applicate dai regolamenti Fia. 
 
L'auto più potente della McLaren Sports Series, e anche la più veloce in pista, è una proposta davvero unica, prodotta a mano in tiratura limitata per 350 esclusivi acquirenti che potranno averla ad un prezzo che parte dai 300mila euro.

McLaren F1: la sua storia

Il V8 da 620 cv vola via a 322km/h

Come vi avevamo anticipato il motore è il V8 biturbo da 3.8 litri implementato per sprigionare 620 cv e 620 Nm di coppia, che danno il nome all'auto le permettono di volare alla velocità massima di 322 km/h. Le prestazioni saranno naturalmente formidabili: uno 0-100 km/h in soli 2,9 secondi. Non a caso la 620R è un'auto da strada in grado di registrare tempi sul giro fenomenali. Risultati frutto di un'attenzione meticolosa ai dettagli.

I supporti più rigidi aggiunti sul propulsore sono distribuiti per ridurre l'inerzia sotto carico elevato, il cambio SSG a 7 velocità offre la tecnologia Inertia Push di McLaren per tempi di cambio super rapidi, mentre gli ammortizzatori, alleggeriti di 6 kg, sono regolabili manualmente in 32 differenti angolazioni.

Le sospensioni leggere come quelle della 570S GT4 sono dotate di bracci trasversali in alluminio e barre antirollio più rigide, mentre il sistema frenante è dotato di servofreno derivato dalla McLaren Senna: un mix di specifiche che rende la 620R ancora più tagliente su strada.

McLaren 570S vs Jeep TrackHawk: sfida impossibile tra V8

Esclusiva dentro e fuori

Basata sul telaio monopezzo Monocell II in fibra di carbonio della 570S GT4, la 620R è all'altezza dell'etica del design aerodinamico McLaren. La 620 R è arricchita da vistose appendici aerodinamiche all’anteriore e un grosso spoiler al posteriore che le permettono di creare un carico di circa 185 kg a 250 km/h. I cerchi, rispettivamente da 19” all’anteriore e 20” al dietro, montano gomme Pirelli P Zero Trofeo R semi-slick e i dischi carboceramici con pinze in alluminio forgiate. 

Gli interni sono in fibra di carbonio e pelle Alcantara, a partire dai sedili. Le cinture a sei punti assicurano i passeggeri a bordo ed è presente il sistema McLaren, proiettato sul display touchscreen da 7”. Tre i colori disponibili: McLaren Orange, con righe bianche, Silica White, con righe arancioni, o Onyx Black con righe per l’appunto arancioni.  Ma le possibilità di personalizzazioni aumentano con i kit ideati dal reparto McLaren Special Operations.
 

McLaren 620R, dalle corse GT4 alla strada