Jeep Gladiator Farout, la Casa americana ha presentato un prototipi del pick-up pronto ad ogni avventura. Avrebbe dovuto esordire qualche mese fa, ma la pandemia ha stoppato ogni iniziativa del Marchio.

Gladiator Farout è l’evoluzione del Gladiator Wayout mostrato al Jeep Safari del 2019: per entrambe il nome dell’allestimento rappresenta la chiara vocazione alle escursioni. 

Jeep Gladiator, la prova di Auto

Il Diesel sotto la corazza

Possibili, e qui si va nel particolare per un modello americano, grazie a un propulsore a gasolio. Il V6 EcoDiesel di 3 litri di cilindrata, capace di erogare 260 cavalli e soprattutto 600 Nm di coppia. Indispensabile per viaggiare a lungo e per garantire elasticità e un risposta pronta e possente anche nei passaggi più difficili. Non a caso Gladiator standard, che arriverà in Europa tra pochi mesi, disporrà anche di questo propulsore negli allestimenti, Overland, Rubicon e Sport.

Tornando a Gladiator Farout, da vero pick-up garantisce una polivalenza eccezionale grazie alla capacità di stivare praticamente tutto. Disponibili una tenda a quattro posti dal montaggio ultra rapido, un frigorifero e una stufa, scaffali. Ma anche interni in pelle e rivestimenti in legno.

Gladiator Farout è stata alzata da terra di 2 pollici (5,1 centimetri) grazie al kit di sollevamento fornito da Performance Parts: presenti anche gli ammortizzatori Fox Performance. I pneumatici sono ovviamente specialistici da 37 pollici su cerchi da 17”. Presente il verricello, gancio traino, protezioni anti roccia, portapacchi integrato: originale anche la livrea, chiamata Earl. 

Jeep North Edition