Negli ultimi anni Nissan è diventata un riferimento nel segmento delle vetture sportive grazie alla potentissima GTR. Ma nella gamma del Costruttore giapponese c’è anche un altro modello ad alte prestazioni, più accessibile ma meno conosciuto, nonostante le sue qualità: la 370Z. Nata nel 2009 per sostituire la 350 Z, resterà a listino fino al 2022, quando arriverà un nuovo modello evoluto, che quasi sicuramente porterà il nome di 400Z.

Nissan, Ariya nuova tra elettriche e nuovo logo

Sportiva tradizionale

Secondo quanto emerso finora e riferito da Auto Express, la nuova Nissan dovrebbe conservare lo schema attuale, con trazione posteriore e solo motore termico. Nessuna propulsione elettrica ad aumentare le prestazioni e ridurre le emissioni, quindi. Una scelta controtendenza che però farà la gioia dei puristi. A restare sarà anche la linea affusolata e morbida, che caratterizza le sportive Nissan da decenni, sin dai tempi della 240Z. Alcuni indizi sul design erano stati anticipati già all'inizio dell'anno in un teaser rilasciato dalla stessa Nissan.

Tuttavia la Casa del Sol Levante è consapevole che per battere la concorrenza (in primis la connazionale Toyota con la sua Supra sviluppata insieme a BMW) servirà il massimo dell’impegno. E una base di partenza solida e moderna, che sarà un'evoluzione di quella già utilizzata su alcuni modelli Infiniti. Sotto al cofano, per garantire il massimo delle prestazioni, ci sarà un V6 turbo a benzina, che dovrebbe attestarsi sui 3 litri di cilindrata con una potenza di 400 cavalli. Un passo in avanti consistente se si considera che l’attuale modello, dotato di un 6 cilindri 3.7 (che dà anche il nome al modello) raggiunge solo quota 330 cv.

Per Nissan la nuova 400Z avrà anche un valore simbolico non indifferente, e costituirà un punto di rilancio dopo tempi difficili. L’alleanza con Renault è stata messa a dura prova, e l’intero gruppo si sta riorganizzando per razionalizzare la gamma, tagliando i modelli meno redditizi. Ma anche in questa ristrutturazione resta lo spazio per una coupè sportiva.

Mitsubishi prepara l'addio all'Europa