Il meglio del meglio, ossia le varianti più rare, esclusive e ambite di un marchio che già di suo non è certo alla portata di tutti. Bentley ha deciso di stupire portando al Salon Privè 2020 tre modelli firmati Mulliner, la divisione della Casa britannica che si occupa dei progetti più esclusivi e in edizione limitata. Tra le auto che verranno messe in esposizione nella cornice del Blenheim Palace di Woodstock, nell’Oxfordshire, dal 22 al 26 settembre, anche una novità assoluta.

Bentley Flying Spur ancora più esclusiva con il pacchetto in fibra di carbonio

Tra classico e moderno

Al Salon Privè Bentley porterà vetture molto diverse, accomunate dall’esclusività e dalla cura maniacale con cui sono state progettate e realizzate. A partire dalla Mulliner Bacalar, prima barchetta a due posti realizzata dalla Casa dal 1930. Svelata all’inizio di quest’anno, la lussuosa scoperta è dotata di un motore W12 da 6 litri e 650 cavalli con 900 Nm di coppia. Ai numeri così elevati della scheda tecnica si affianca quello, decisamente più ridotto, della produzione prevista: appena 12 esemplari per questo concentrato di stile ispirato alla concept elettrica EXP100.

Accanto alla Bacalar Bentley ha deciso di porre un mezzo se possibile ancora più esclusivo: la riedizione della mitica Bowler del 1929. Un mezzo unico che la casa inglese ha deciso di riproporre in versione aggiornata ma del tutto fedele all’originale, con una produzione che conterà anche in questo caso 12 esemplari. Ogni auto sarà realizzata a mano dai tecnici specializzati del marchio britannico, e sarà dotata dello stesso motore che equipaggiava originariamente l’auto, il 4,5 litri sovralimentato. Il compito di realizzare gli esemplari di questa storica vettura, autrice tra l’altro del record mondiale di velocità per vetture stradali nel ’29, è stato affidato alla divisione Mulliner.

Oltre alle repliche, annunciate lo scorso anno e frutto di un lavoro intenso durato 12 mesi, la divisione Classic di Bentley mostrerà il risultato di un impegnativo restauro, quello eseguito sulla Team Car di Bentley guidata da Sir Tim Birkin. Ovvero la vettura che ha fatto da modello per la nuova produzione della Bowler.

Bentley Flying Spur: gli interni si arricchiscono con i pannelli di legno 3D

Vetrina Mulliner

Lo spazio dedicato alla divisione più esclusiva di Bentley verrà completato dalla presenza di altri due modelli storici come la 8 litri del 1930 e la R-Type Continental del 1952. Oltre alla novità assoluta, sempre marchiata Mulliner, che verrà svelata solo la settimana precedente all’esposizione.

Bentley Flying Spur W12 by Mansory: nel segno dell’opulenza