Secondo quanto riportato dal magazine britannico Autocar, McLaren ha messo in vendita il modernissimo quartier generale di Woking. Dopo i 1.200 posti di lavoro tagliati a maggio (più di un quarto della sua forza lavoro) nelle divisioni Applied, Automotive e Racing e aver negoziato prestiti utilizzando come garanzia la sua collezione di auto d’epoca, adesso arriva un ulteriore passo per cercare di risolvere la crisi, aggravata dal Covid-19.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

Un valore di 217 milioni di euro

La sede di Woking è stata costruita nel 2004, è composta da tre edifici separati in un vasto parco e comprende il McLaren Technology Center, il più recente McLaren Production Center (utilizzato principalmente per la produzione di auto stradali) e il McLaren Thought Leadership Center. È stata proposta per la vendita, e un successivo lease back, a 200 milioni di sterline, cioè 217 milioni di euro. “La potenziale vendita e il lease back della nostra sede centrale - ha dichiarato ad Autocar un portavoce della McLaren - fanno parte, assieme alla scelta di un gruppo di banche impegnate nella ristrutturazione del debito e ad un aumento di capitale fanno parte della strategia di rifinanziamento globale che abbiamo annunciato all'inizio di quest'anno. Il tutto per fornire un bilancio più solido assicurando che il Gruppo McLaren abbia una piattaforma sostenibile per la crescita e gli investimenti a lungo termine”.

Un momento difficile

Ci sono poi le parole di Paul Walsh, presidente esecutivo del Gruppo McLaren, che descrivono la situazione piuttosto critica: “Questo è senza dubbio un momento difficile per la nostra azienda e in particolare per il nostro personale, ma intendiamo emergere come un'azienda efficiente e sostenibile con una chiara rotta per il ritorno alla crescita”.

McLaren Senna, poker di record su 4 circuiti americani