Gli incentivi all'acquisto di auto nuove messi in campo dal Governo si stanno rivelando efficaci, ma insufficienti. Se da un lato i bonus stanno dando il loro contributo a risollevare un mercato straziato dal virus, il plafond stanziato per alcune delle fasce non è adeguato alle necessità. In particolare i fondi per l'ultima fascia a beneficiare degli incentivi, quella delle vetture con emissioni comprese tra 91 e 110 grammi di CO2 al chilometro, sono agli sgoccioli dopo appena un paio di settimane. Lasciando scoperta una categoria di veicoli che in Italia è una delle più gettonate.

Appelli per un rapido rifinanziamento dei fondi per gli ecobonus sono già stati lanciati nei giorni scorsi. In attesa di una risposta da parte delle istituzioni sono le Case auto a garantire sconti e agevolazioni economiche per i clienti, spesso aggiungendosi agli incentivi statali. Per la fascia 91-110 g/km di CO2, ma non solo.

UNRAE, l'appello per rifinanziare gli incentivi della fascia 91-110 g/km di CO2

Tante offerte

Quasi tutte le marche stanno garantendo ai loro clienti sconti e incentivi per i loro modelli più virtuosi, ma non solo. FCA ad esempio punta molto sull'Alfa Romeo Giulietta, offrendo fino a 10.000 euro di vantaggi con il finanziamento, anticipo zero e prima rata a gennaio 2021. Sono invece fino a 8.000 gli euro che si possono risparmiare con rottamazione sulla gamma Fiat, in particolare sui modelli ibridi, mentre Lancia Ypsilon è disponibile da 8.750 euro anziché 12.000 con finanziamento e bonus rottamazione. Agevolazioni anche per Jeep: con Renegade 4Xe si possono risparmiare fino a 7.500 euro. Con il finanziamento Flex Excellence invece si può decidere se iniziare a pagare le rate tra 1,3 o 6 mesi.

Quella della rottamazione resta la formula più conveniente, e che permette di accedere ai benefici maggiori sia con incentivo statale che con quelli delle singole Case. PSA permette di salvare fino a 6.250 euro su DS e 6.000 su Peugeot 3008. Il gruppo francese inoltre garantisce fino a 9.000 euro di ecobonus anche su modelli di alta gamma, come 308, 508 e 5008. vantaggi fino a 7.500 sulla gamma Opel, che tra l'altro offre una serie di tutele al cliente, in caso di perdita d'impiego o inabilità, iniziando a pagare dopo 4 mesi. Attiva su molti modelli del gruppo l'assicurazione PSAWeCare per tutelare la salute.

Sono invece gli Incentivi Volkswagen a rendere convenienti i Suv T-Roc e T-Cross, mentre sui modelli più piccoli vale il bonus statale. Per quanto riguarda Seat i vantaggi possono arrivare a 8.000 euro, in particolare per le ecologiche versioni a metano. Si può arrivare a quota 7.300 euro di incentivi invece per la gamma Skoda Euro 6.2, sia benzina che Diesel.

Sconti rottamazione rilevanti si possono ottenere anche con Ford (fino a 10.000 euro per Kuga ibrida, e vantaggi sui modelli più virtuosi della gamma), Kia (fino a 8.750 euro su Xceed), Nissan (fino a 6.800 euro su Micra) e Toyota, con fino a 5.000 euro sulla nuova Yaris ibrida. Fino a 8.000 euro di vantaggi anche con Renault.

Oltre ai classici incentivi alcune Case hanno introdotto agevolazioni particolari, come i 1.500 euro offerti da Hyundai a chi possiede già un modello dello stesso marchio, o il rimborso delle prime tre rate offerto da Audi su alcune vetture della sua gamma, mentre Subaru posticipa a 6 mesi il pagamento della prima rata.

Buona parte delle offerte proposte dalle Case valgono per il solo mese di settembre, ma nuovi incentivi e agevolazioni vengono costantemente aggiornati e lanciati.

Top 10 Ecobonus 2020: le auto ibride ed elettriche più convenienti