Ad Arese, dove nasceva lo stabilimento Alfa Romeo nato nel 1963, voluto dal presidente Giuseppe Luraghi, ora c'è "Il Centro", uno dei complessi commerciali più grande d'Europa.

Per omaggiare  i 110 anni del Biscione, 7 ottobre al 1° novembre, e in collaborazione con la Scuderia del Portello, è organizzata la Mostra di auto storiche con quattro perle del Marchio.

Lo speciale di Auto per i 110 anni di Alfa Romeo

Il poker è composto dalla 1900 Coupé Super Sprint, dalla Giulietta Berlina, dalla Giulia 1300 TI e dalla Alfetta Turbodelta.

La più recente è l'Alfetta Turbodelta del 1978, forse la versione più speciale dall'Alfetta GT. Realizzata dalla squadra corse, rappresenta un pezzo da vera collezione. Ne sono stati realizzati solo 400 esemplari per ottenere l'omologazione al "Gruppo 4" del Campionato Rally: la potenza era di 150 cavalli.

La fidanzata d'Italia. La prima Giulietta, nata nel 1955, ha segnato il passaggio di Alfa Romeo a grande produttore industriale. Più accessibile, ma sempre bella e molto prestazionale (grazie anche alla massa limitato). Con essa il Biscione è diventato il Marchio più ambito dalla classe media.

Decisamente più esclusiva, ma immortale per la bellezze delle linee, la 1900 Coupé Super Sprint sarà sempre un esempio di stile sportivo, elegante, coniugato a prestazioni, per l'epoca, eccezionali.

Provate a prenderla. Giulia 1300 TI è una icona degli anni dopo il "boom". Design inconfondibile, prestazioni e agilità superiori ad auto ben più costose. E' stata l'auto che la lanciato la produzione ad Arese. Un mito inaffondabile.

Alfa Romeo Milano, l'attesa per il SUV del Segmento B