In un periodo di incertezza come quello che stiamo vivendo, Suzuki ripensa le sue formule di pagamento per venire incontro alle esigenze dei clienti e alle loro eventuali difficoltà. Per farlo si è affidata ad Agos, dando vita a una serie di soluzioni che permettono di dilazionare le rate e modificarne l'importo. Cominciando a pagare da gennaio dell'anno prossimo.

Suzuki Swace, la wagon ibrida per l'Europa

Prima rata a gennaio

La prima delle iniziative avviate da Suzuki riguarda la possibilità di scegliere quando iniziare a pagare le rate. Ciascun cliente che compri ora una vettura nuova della Casa giapponese potrà decidere se cominciare a pagare subito, tra 30 giorni oppure tra tre mesi. Inoltre è possibile godere dell'opzione Cambio rata, che consente di modificare l'importo della quota e la durata del piano di ammortamento in base alle proprie mutate esigenze. Questa modifica può avvenire fino a tre volte nella durata del piano, a patto che tra un cambiamento e l'altro siano trascorsi almeno sei mesi.

Tra le altre iniziative ci sono le formule Suzuki Warranty, che comprende un'estensione della garanzia fino a cinque anni, e NoProblem, che invece garantisce tre anni di copertura assicurativa con furto, incendio, scippo e rapina. Disponibile infine Suzuki Solutions, che prevede la possibilità di restituire o cambiare l'auto con un modello nuovo una volta terminato il primo periodo di pagamento, oppure tenerla pagando una maxirata finale, a sua volta frazionabile in rate di minore importo.

Suzuki Jimny, arrampicatore da città