Gli ADAS, e in particolare i sistemi di frenata automatica, riducono drasticamente incidenti e tamponamenti. È quanto emerge da due studi effettuati da Bosch, uno del 2019 relativo a tutti i dispositivi di assistenza alla guida, e uno appena pubblicato che invece si concentra sui tamponamenti e sulla frenata automatica. In entrambi i casi si conferma l'importanza degli Adas come una delle soluzioni migliori per aumentare la sicurezza e limitare i sinistri.

Dimmi che lavoro fai e ti dirò come guidi l'auto: ecco i mestieri più a rischio incidenti

Tamponamenti quasi dimezzati

Lo studio dedicato agli incidenti per tamponamento in presenza o meno del sistema che frena automaticamente quando incontra un ostacolo è stato effettuato direttamente da Bosch insieme con Automobile Club d’Italia, tramite la Fondazione Filippo Caracciolo di ACI e il Politecnico di Torino. Come fonte sono stati utilizzati i dati estrapolati da un gran numero di scatole nere provenienti dalle auto degli italiani (1,5 milioni di black box del 2017 e 1,8 milioni del 2018).

I risultati evidenziano che nelle vetture dotate di frenata automatica i tamponamenti calano di ben il 45% rispetto alle vetture senza questo tipo di assistenza. Il dato emerge chiaramente sotto forma di riduzione dell'IS, l'indicatore di sinistrosità, che indica il rapporto tra numero di incidenti e percorrenze dei veicoli. Inoltre risulta che la riduzione dei tamponamenti non sia accompagnata da un aumento di altri tipi di incidente.

Neopatentati: disagi o benefici alla guida di un'auto?

ADAS indispensabili

Lo studio condotto nel 2019 evidenziava simili risultati, applicati però a tutti gli ADAS e non solo alla frenata automatica. I sistemi di assistenza attiva alla guida riducono di quasi tre volte il rischio di essere coinvolti in incidenti. Il parametro utilizzato da Bosch in quel caso era stato il rapporto tra sinistri e chilometri percorsi: le vettura dotate di Adas risultano coinvolte in 5,7 incidenti ogni milione di km, mentre quelle che ne sono prive arrivano a 15. Inoltre è emerso che i veicoli con più di 15 anni abbiano il 50% delle probabilità in più di essere coinvolti in sinistri rispetto a quelli immatricolati da due anni.

“Bosch è l’innovatore leader nella tecnologia per i sistemi di assistenza alla guida che, oltre a contribuire a salvare vite umane, aprono la strada alla guida autonomaha spiegato l'amministratore delegato di Bosch Italia, Gabriele Allievi - Come indicato dalle stime delle Nazioni Unite, il 90% degli incidenti stradali è attribuibile all’errore umano. È anche per questo che ci impegniamo per rendere la mobilità sempre più sicura e a zero incidenti, ampliando il nostro portfolio con sistemi che proteggono gli utenti della strada e perfezionando costantemente le funzioni già esistenti”.

“Una sempre maggiore e sempre più accessibile diffusione dei dispositivi ADAS rappresenta una straordinaria opportunità per ridurre il numero dei sinistri sulle strade - ha aggiunto Giuseppina Fusco, Presidente della Fondazione Caracciolo e Vice Presidente di Automobile Club d’Italia. - Questo, tuttavia non ci esonera dall’impegno educativo nei confronti dei conducenti, chiamati sempre più all’adozione di comportamenti di guida vigili e rispettosi delle norme, per un modello di condivisione della strada, nel quale possano circolare in piena sicurezza autovetture e nuovi veicoli leggeri”.

Niente auto se hai bevuto: arriva anche in Italia l'alcool lock