Due vetture più che esclusive e una livrea leggendaria. McLaren prepara il tour europeo – ma non solo – per promuovere la più recente delle sue edizioni limitate. La Elva, barchetta a due posti che verrà prodotta in edizione super limitata dalla Casa di Woking e che farà bella mostra di sé insieme alla sua antenata McLaren-Elva M1A sports racer. Ad accomunare le due sportive, una livrea storica. Più un'altra, con il mitico marchio Gulf, appena presentata a Goodwood.

McLaren 765LT, animale da pista

Dal passato al presente

La McLaren Elva rappresenta la continuazione ideale di quella famiglia di modelli griffati McLaren riservati a pochi fortunati collezionisti. Dopo le hypercar P1, Senna e Longtail la Casa britannica ha puntato sul piacere di guida a cielo aperto, creando la barchetta Elva. Una vettura stradale priva di parabrezza e ispirata, come suggerisce il nome, alla McLaren-Elva M1A. Una delle prime auto da corsa sviluppate, negli anni '60, da Bruce McLaren.

A differenza dell'antenata, che nel 1964 frantumò il record del tracciato di Mosport con lo stesso Bruce al volante, la nuova Elva non è stata progettata per le corse. Ciò non vuol dire però che la barchetta di Woking non abbia un'indole sportiva. Nel vano motore della nuova supercar inglese trova infatti spazio un V8 biturbo da 4 litri che sviluppa 815 cavalli e 800 Nm, garantendo un'accelerazione da 0 a 100 in appena 2 secondi.

In occasione del Festival of Speed di Goodwood, poi, la Casa inglese ha presentato una ulteriore versione inedita della Elva, caratterizzata dalla livrea Gulf tipica di tante McLaren storiche da competizione. Un sodalizio, quello tra il Costruttore di Woking e la compagnia petrolifera americana, che ha accompagnato vetture di Formula 1 e Le Mans, e che di recente è stato rilanciato con un nuovo accordo di sponsorizzazione.

McLaren, cinque Senna GTR LM per omaggiare la 24 Ore di Le Mans

Pronte a partire

La nuova Elva verrà prodotta in soli 149 esemplari, ancora meno dei 399 inizialmente previsti dalla McLaren. Insieme alla sua progenitrice M1A, la barchetta è protagonista un tour europeo con alcune tappe in Medio Oriente. Un viaggio per consentire a migliaia di appassionati di osservare con i propri occhi modelli esclusivi e iconici, impreziositi dalla livrea racing che le accomuna.

Durante il tour, i visitatori potranno approfondire la conoscenza delle due vetture utilizzando il McLaren Advanced Visualiser (MAV), uno speciale sistema di realtà virtuale con immagini ad altissima definizione. Attraverso questo software (inizialmente progettato per un videogioco) sarà possibile osservare i singoli elementi che compongono la Elva, personalizzarli e salire a bordo dell'auto. Tramite il MAV, McLaren illustrerà i suoi nuovi concetti di design, “the Spirit of Adventure" e "the Enduring Love of History”, ognuno dei quali proporrà una gamma di temi. Tra gli elementi da scoprire anche il nuovo materiale Ultrafabrics con tecnologia Takumi, formato da quattro strati e utilizzato per i rivestimenti.

McLaren, l'ibrida avrà il V6 e una modalità elettrica

Il calendario del tour

Il tuour delle Mclaren Elva si è aperto a Varsavia il 6 e 7 ottobre e ha proseguito ad Amburgo l'8 e il 9 e Bruxelles dal 9 al 13. Le prossime tappe previste sono Stoccarda (15-19 ottobre), Millbrook (dal 19 al 23), Dubai (26-27) e Riyadh (dal 1° novembre all'8) per finire a Parigi a inizio dicembre.

McLaren mette in vendita la sede a Woking per combattere la crisi