Un settembre atipico, come è stato quasi tutto il 2020, ma allo stesso tempo diverso dai mesi precedenti. Per la prima volta dall’inizio della pandemia, infatti, il mercato auto dell’Europa (Ue+Efta+Regno Unito) fa segnare il segno positivo: parliamo del +1,1%, rispetto allo stesso mese del 2019, che equivale a 1.300.050 immatricolazioni (dati rilasciati da Acea, associazione costruttori europei). Nei primi nove mesi del 2020 sono state vendute 8.567.920 auto, il 29,3% in meno dello stesso periodo dell'anno scorso.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

La situazione di Fca

Com’è stato il settembre europeo di Fca? Le auto immatricolate sono state 77.807, ovvero l’11,8% in più rispetto a settembre 2019, e un aumento della quota di mercato dal 5,4% al 6%. Purtroppo, facendo confronti più a largo raggio, e quindi sui primi nove mesi del 2020, le immatricolazioni sono 490.200, in calo del 33,9%. Vediamo la situazione dei marchi del gruppo. Fiat nel mese immatricola quasi 53.900 vetture (+10%) e ottiene una quota del 4,1% (+0,3%); segue Jeep con quasi 14.800 auto immatricolate, una crescita del 24,7% e una quota dell'1,1% (+0,2%); Lancia, con poco meno di 4.700 registrazioni, registra un aumento delle vendite del 12,4%, con quota allo 0,4% (+0,1%); Alfa Romeo, invece, fa registrare più di 4.100 immatricolazioni con una quota dello 0,3%.

Il segmento A è quello che ha perso maggiormente a causa della pandemia, ma nonostante questo le Fiat 500 e Panda si confermano le più vendute della categoria e ottengono risultati positivi in Europa: rispettivamente 18.400 immatricolazioni (+5,4%) e 17.400 (+36,6%). Nel segmento B, la Lancia Ypsilon fa registrare +12,8%, e nel segmento D l’Alfa Romeo Giulia registra una crescita delle vendite pari al 10,9%. In crescita anche le Jeep Renegade (+24,3%), Wrangler (+25,6%) e Compass (+38,4%) e l'Alfa Romeo Stelvio (+4,9%).

Un 2020 difficile

Nonostante il segno + di settembre, il 2020 resta comunque un anno catastrofico a causa del Coronavirus. Lo sottolinea il Centro Studi Promotor che considera decisivo “il ruolo degli incentivi varati in molti mercati che hanno favorito soprattutto le vendite di vetture elettriche e ibride plug-in, anche se in valori assoluti le loro immatricolazioni sono ancora modeste e quindi il recupero deriva anche da un migliore andamento delle vendite di vetture con alimentazioni tradizionali”. E prosegue: “Il segnale positivo di settembre non può certo far dimenticare il quadro catastrofico che si sta delineando per l'intero 2020: l'auto in Europa Occidentale chiuderà il bilancio 2020 con una perdita di immatricolazioni assolutamente severa”. “Per una ripresa significativa del mercato dell'auto, in quel che resta del 2020 e soprattutto nel 2021, sono necessarie tre condizioni - spiega Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor - e cioè che i governi varino politiche di sostegno al settore dell'auto più incisive, che non vi siano nei prossimi mesi nuove fermate dell'attività produttiva e che i primi segnali di ripresa dell'economia, dopo il crollo della prima parte del 2020, si consolidino e si rafforzino”.

Il Governo valuta l'ipotesi di bloccare i diesel e i benzina nel 2035