Più guadagni anche con meno auto consegnate per Ferrari nel terzo trimestre 2020. La scelta strategica del Cavallino nei primi nove mesi dell’anno prosegue secondo i progetti, anzi leggermente meglio: il tutto nonostante la pandemia.

La Casa di Maranello ha annunciato  i risultati preliminari consolidati del terzo trimestre e dei primi nove mesi del 2020.

Ferrari, la nuova hypercar inizia i test su strada

L’utile netto è stato di 171 milioni di euro, l’1% in più dello stesso periodo dello scorso anno. In calo del l 3% i ricavi netti, per 888 milioni di euro, Ma salgono quelli relative alle vendite del 2,6% sospinti dalle consegne Ferrari Monza SP1 e SP2.

Calo invece per “sponsorizzazioni, proventi commerciali e relativi al Marchio” a quota 93 milioni di euro, 30,9% in meno. Qui il Covid19 ha pesato: meno GP di Formula Uno, meno clienti nei negozi e visitatori nei Musei Ferrari.

In calo anche le consegne di auto, nel terzo trimestre si attestano sulle 2.313 unità, in diminuzione di 161 unità rispetto al 2019.

Ma c’è un motivo e lo spiega direttamente Ferrari. "In linea con la cadenza del piano di produzione per l’intero anno della Società, che prevede il recupero di 500 unità delle 2mila vetture perse a seguito della sospensione produttiva di sette settimane causa Covid”.

Sono calate del 12,8% le vendite dei modelli V8, mentre quelli dei V12 hanno registrato un aumento del 15,4%. Nello specifico sono andata bene  F8 Spider e 812 GTS in Europa, Africa e Medio Oriente, bilanciando la fine del ciclo vita di 488 Pista e Portofino.

I numeri

Il margine operativo lordo (noto anche come ebitda) è cresciuto del 6,4%, arrivando a quota 330 milioni di euro. Il risultato prima degli interessi e delle tasse (ebit) è di  222 milioni, in calo del 2%. Il free cash flow industriale è di 77 milioni di euro.

Ferrari ha rivisto la guidance 2020, ovvero l’insieme di comunicazioni e previsioni sul mercato in merito agli obiettivi a unlimite superiore di quella del 3 agosto. Ovvero  conricavi netti maggiori di 3,4 miliardi, e free cash flow industriale a circa 150 milioni di euro.

Ferrari Purosangue, i muletti cominciano a circolare