Il nuovo Dpcm firmato dal Premier Conte lo scorso 3 novembre e attivo da oggi veenrdì 6 novembre ha presentato diverse misure restrittive. Alcune in vigore per tutto il paese, mentre altre solamente per le zone più a rischio vista la divisone dell'Italia con le regioni inserite nella fascia gialla (Friuli Venezia Giulia, Veneto, le provincie di Trento e Bolzano, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata e Sardegna), arancione (Puglia e Sicilia) e rossa (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia e Calabria).

Ovviamente, com’era prevedibile, il nuovo decreto ha imposto moltissime limitazioni per quel che riguarda sia gli spostamenti su mezzi pubblici, che la mobilità privata. Soprattutto in quei territori denominati “zone rosse” dove si tornerà ad un lieve lockdown, in cui le conseguenze della pandemia avranno un notevole impatto sui cittadini, almeno fino al prossimo 3 dicembre.

Nuovo DPCM, regole e limitazioni su spostamenti in auto

Spostamenti e autocertificazione

Come fatto sapere da Conte nei giorni scorsi sarà, dunque, impossibile per i cittadini spostarsi all’interno delle zone rosse e arancioni. A meno che non si abbiano comprovate motivazioni di lavoro o di massima urgenza da indicare sulle nuove autocertificazioni (scarica qui il modulo in pdf), che rientrano in vigore come successo già ad inizio anno. Il Dpcm, inoltre, stabilisce anche l’orario del coprifuoco nazionale, che è previsto dalle ore 22 alle ore 5 del mattino.
Anche in questo caso, per gli spostamenti al di fuori della fascia oraria consentita sarà necessaria l’autocertificazione. Il modulo servirà, inoltre, per entrare ed uscire dalle regioni incluse nella zona rossa.

Trasporti pubblici e mezzi pesanti

Per evitare inutili assembramenti, inoltre, è stato deciso in tutt Italia di ridurre la capienza dei mezzi pubblici al 50% rispetto alla capienza massima consentita. Una decisione, che conseguentemente aumenterà gli spostamenti attraverso mezzi di trasporto privati. Per quel che riguarda, invece, gli autotrasportatori di mezzi pesanti, con il decreto firmato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, potranno tranquillamente circolare anche nei prossimi fine settimana.

Esami di guida

Fino a questo momento – salvo nuove comunicazioni o un aggravamento della situazione sanitaria – sono ancora consentiti in tutte le motorizzazioni e le scuole guida sia i corsi abilitanti, sia le prove teoriche e pratiche per il conseguimento delle patenti auto e moto.

Divieto di fumo in auto: ecco da quando a Milano sarà vietata la sigaretta all'aperto