La guida autonoma è uno degli argomenti più in voga nell’ambito della ricerca e dello sviluppo della mobilità del futuro. Anche Škoda lavora in questa direzione e può contare sulla collaborazione con la VSB, l’Università di Ostrava (Repubblica Ceca) per la realizzazione del progetto “Follow the Vehicle”.

FOLLOW THE VEHICLE

L’obiettivo del progetto è quello di creare auto in grado di seguire autonomamente un altro veicolo, guidato da un conducente in carne e ossa: siamo nella fase dei test drive e l’equipe di ingegneri sta utilizzando due Škoda Superb iV configurate per interfacciarsi. Christian Strube, membro del CdA di Škoda Auto, ha detto: "Follow the Vehicle mostra l'elevato standard tecnico dei nostri attuali sistemi di assistenza e illustra in modo impressionante le opportunità che questi sistemi sono in grado di sbloccare, se combinati con altre tecnologie rilevanti nel campo della guida autonoma. Il progetto ci permette anche di impegnarci nel nostro ruolo di promotori della formazione tecnica nella Repubblica Ceca. Siamo lieti di lavorare con gli studenti e i ricercatori della VŠB - Università Tecnica di Ostrava, che - con le loro idee, la loro esperienza e la loro dedizione - sono strumentali al progetto".

Il professor Václav Snášel, rettore dell’Università, ha aggiunto: "Nel Centro Nazionale di Competenza - Cibernetica e Intelligenza Artificiale o TA?R, che è responsabile dello sviluppo e della ricerca di sistemi di guida autonomi, siamo riusciti a riunire ricercatori esperti e studenti di varie discipline. La guida autonoma richiede un approccio multidisciplinare e, lavorando attivamente insieme, abbiamo stabilito principi e alleanze efficaci tra gli esperti dell'università e del dipartimento di sviluppo di Škoda Auto. Crediamo che in futuro intensificheremo ulteriormente questa collaborazione, promuovendo lo sviluppo professionale e coinvolgendo al contempo nuovi giovani ricercatori, di cui beneficerà l'industria automobilistica ceca".

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

DUE AUTO, UN PILOTA

Il principio alla base del progetto è "due auto, un solo conducente". Il veicolo di testa è guidato da un essere umano, che determina percorso, velocità, corsia e altri parametri. I dati necessari per l'ingresso dello sterzo, l'accelerazione e la frenata sono trasmessi all'auto autonoma via radio, che segue il veicolo di testa ad una distanza fino a 10 metri; le auto hanno un codice digitale prima di mettersi in viaggio. Le due Škoda Superb iV sono dotate di una tecnologia all'avanguardia nel campo delle smart city e dei sistemi di trasporto intelligenti. La tecnologia Car-to-X garantisce la comunicazione tra le vetture di prova e gli altri veicoli, nonché con il traffico. Lo scambio di dati avviene tramite ETSI ITS-G5, lo standard per la comunicazione veicolare, e le reti mobili 4G, LTE e 5G.

https://www.auto.it/news/news/2020/11/23-3647562/black_friday_auto_tutti_gli_sconti_alfa_romeo_audi_fiat_opel_jeep_renault_e_skoda/

DATI IN TEMPO REALE

Le Superb iV sono dotate di sensori di serie e sensori speciali, di sistemi basati su radar e telecamere e di un'unità di comunicazione appositamente montata per l'elaborazione dei dati, che consentono di identificare immagini e oggetti 3D. Questi leggono una grande varietà di dati, come la posizione del veicolo e i parametri di guida. Il sistema monitora in tempo reale l'ambiente circostante e il traffico. Lo sviluppo dei sistemi di guida autonoma punta a progettare una mobilità urbana più snella, automatizzata ed efficiente, e al contempo a educare le nuove generazioni – la collaborazione con l’Università ne è un chiaro esempio – alla cultura della tecnologia per una migliore qualità della vita.

Nuova Skoda Fabia arriva nel 2021, Schafer indica le rivali