Conquistare il gradino più alto del podio è qualcosa che tutti i piloti di Formula Uno sognano fin dall’esordio. Poi c’è Sergio Perez – o “Checo” come lo chiamano gli amici -, che fin dalle sue prime stagioni in Sauber (tra il 2011 e il 2012) ha inseguito quel sogno più di ogni altro. Tuttavia, ieri, nella seconda gara del Bahrein, quel sogno per “Checo” si è finalmente realizzato: “ho sognato per tanti anni di vivere questo momento. Dieci anni di carriera, ed è incredibile”. Una bella soddisfazione per un pilota solido e strutturato come lui.

Per celebrare la sua prima vittoria in F1, quindi, abbiamo voluto mostrare le auto presenti nel suo garage privato. Due gioielli che per le loro caratteristiche tecniche non si allontanano neanche troppo da quelli che ha guidato in pista durante la sua carriera: una Mercedes SLR McLaren e una McLaren P1.

Il garage italiano di Leclerc: le auto dell’idolo Ferrari

Mercedes SLR McLaren

La Mercedes-Benz SLR McLaren, che il pubblico internazionale ha potuto ammirare per la prima volta nell'autunno 2003 al Salone di Francoforte, è stata capace di fondere insieme lusso e prestazioni da sportiva. L’auto, infatti, è stata sviluppata dalla Casa tedesca in collaborazione con McLaren, prendendo spunto direttamente dalle corse di Formula Uno e dalle mitiche “Frecce d’argento”.

Mercedes SLR McLaren, infatti, è in tutto e per tutto una supersportiva di lusso capace di esibire un grado di rigidità e resistenza mai ottenuto prima su vetture da strada simile a quello delle auto da corsa. I freni sono fabbricati in ceramica rinforzata con fibre e sotto al cofano nasconde un motore V8 da 626 cv progettato da Mercedes-AMG - sovralimentato mediante turbocompressore e costruito interamente a mano -, in grado di sviluppare una coppia e una potenza importante per una vettura da strada. Negli anni venne presentata anche in 5 diverse versioni speciali: SLR McLaren 722 Edition, SLR McLaren Roadster, SLR McLaren Roadster 722S, SLR McLaren 722 GT e SLR McLaren Stirling Moss.

McLaren P1

Non è di certo una supercar qualsiasi, perché il logo che riporta è quello McLaren. La P1 è stata fin da subito concepita come auto sportiva ad alimentazione ibrida implementata con tecnologie sviluppate e derivate direttamente dal mondo della F1. A livello meccanico la vettura – la cui produzione si è fermata a 375 esemplari – è spinta da un motore termico V8 biturbo abbinato ad un motore elettrico da 179 cv di potenza. Entrambe le soluzioni riescono, quindi, a sviluppare 916 cv di potenza complessiva, donando all’auto un’aura da vera belva da competizione.

Presenta, poi, un sistema KERS e DRS (come nelle vetture F1), cambio a tripla frizione, freni a disco in carburo di silicio e un telaio monoscocca da 90 kg di peso. Anche per questa vettura, presentata per la prima volta nel 2013 al Salone dell’automobile di Ginevra, esistono delle versioni speciali, come: McLaren P1 GTR e P1 LM

Auto con nomi della Formula 1: la Top Ten delle più famose