Dopo che il Premier Conte ha annunciato l’Extra Cashback di Natale - il programma di rimborso attuato dal governo per le sole spese effettuate con carta di credito, carte di debito e prepagate, app di pagamento nel periodo natalizio -, ecco che arriva una notizia molto importante anche per gli automobilisti.

Infatti, alcune fonti di governo hanno tenuto a precisare che il Cashback di stato per il periodo natalizio – il servizio Cashback attivo per tutti i cittadini dall’8 al 31 dicembre 2020, con l'accredito dei rimborsi previsti a partire dal prossimo 1° gennaio 2021 - sarà valido anche per quel che riguarda il pieno di benzina, GPL, metano e Diesel. Per cui, anche per il rifornimento in stazione di servizio, esclusivamente portato a termine con pagamenti con carta di credito e bancomat, sarà possibile ottenere il 10% di rimborso.

Sciopero benzinai dal 14 al 17 dicembre in tutta Italia

Come funziona il cashback benzina

Ovviamente, anche per quanto riguarda il rifornimento in stazione di servizio è previsto un rimborso con un limite massimo di spesa. Infatti la somma che ogni persona potrà ottenere sarà un rimborso di 150 euro, ma solo se saranno stati effettuati 10 pagamenti entro la fine di dicembre. Ulteriore limitazione riguarda, poi, la singola operazione di pagamento, che non potrà avere un importo minore di 15 euro. In quanto il tetto massimo stabilito dal Governo sancisce un rimborso fino a 300 euro all’anno, cioè fino a 150 euro a semestre con almeno 50 pagamenti.

Per accedere al servizio messo a disposizione dallo Stato basta registrarsi all’app IO, disponibile per smartphone Android e iOs, effettuare l'accesso alla propria area riservata attraverso SPID o Carta d’identità elettronica, fornire le informazioni riguardanti i metodi di pagamento che verranno usati e indicare l’Iban su cui si desidera ricevere il rimborso.

Dpcm Natale: confermati stop agli spostamenti, coprifuoco anche a Capodanno