Agilità dei telai inglesi uniti alla potenza dei motori americani. Fu questa l’intuizione di Carroll Shelby, quando agli inizi degli anni ’60 diede vita alla leggendaria roadster sportiva Shelby Cobra 427.

Oggi, uno di questi gioielli – precisamente quello appartenuto niente meno che al signor Carroll Shelby in persona, con numero di telaio CSX3178 – verrà messo all’asta dal 7 al 16 gennaio 2021 da Mecum Auction Company, casa d’aste americana specializzata auto d’epoca e da collezione.

AC Cobra Le Mans, la corsaiola diventa un'elettrica da 617 cavalli

GIOIELLO CON MOTORE V8

Come detto, la Shelby Cobra 427 del 1965 comparsa in questi giorni sul sito della casa d’aste è stata di proprietà di Carroll Shelby dal giorno in cui è stata assemblata - nel marzo 1966 - fino alla sua scomparsa nel maggio 2012.

La piccola ma potente sportiva con numero di telaio CSX3178 è uno dei soli cinque esemplari di 427 Cobra originariamente rifinito in grigio antracite (Charcoal Gray) e monta – ancora sotto la carrozzeria e il telaio originale – il pregiatissimo motore Ford V8 “side-oiler” 4 cilindri con testa in alluminio e doppi carburatori e un cambio manuale con trasmissione Toploader a quattro velocità.

PREZZO FOLLE?

La Cobra personale di Carroll Shelby proposta da Mecum – come fa sapere lo stesso sito - è la sorella maggiore della CSX2000 recentemente venduta all’asta per una cifra quasi vicina ai 14 milioni di dollari (circa 12 milioni di euro) e dunque, nonostante ancora non sia stato fornito alcun dettaglio sul prezzo d’asta, si potrebbe tranquillamente pensare ad una cifra di vendita importante e forse anche di molto superiore.

Infatti, oltre ad essere appartenuto all’ex leggenda, questo esemplare rappresenta una vera e propria pietra miliare nella storia dell’automobilismo americano ed è forse una delle auto più rappresentative di tutti gli anni ’60. Queste sue peculiarità, quindi, potrebbero far lievitare il suo prezzo di vendita in un batter d’occhio. Non ci resta che attendere…

Ford GT40 di "Le Mans '66" all'asta