Dopo il lockdown della scorsa primavera, la Lombardia è stata una di quelle che regioni che, a causa dell’alto numero di contagi, ha passato più tempo in compagnia delle restrizioni. Dallo scorso 25 ottobre, infatti, per molte settimane la Lombardia è stata zona rossa e poi arancione: questo ha nuovamente limitato gli spostamenti e quindi la circolazione dei veicoli. Ma nonostante ciò l'aria della regione non è migliorata e la conferma arriva dalla rilevazione della qualità dell'aria dell’Arpa, presentata oggi 12 gennaio 2021 a Palazzo Lombardia dall'assessore regionale all'Ambiente Raffaele Cattaneo e dal presidente dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente, Stefano Cecchin.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

L’analisi

Cosa emerge dall’analisi fatta? Nel 2020, per il terzo anno consecutivo, la Lombardia ha rispettato i limiti per quanto riguarda il Pm10, nonostante un leggero e inaspettato peggioramento della media annua e un aumento dei giorni di superamento del limite. A migliorare, invece, è la quantità diossido di azoto (NO2): il calo rispetto alla rilevazione precedente è notevole, merito del lockdown.

Ma qual è la conclusione finale? “Visto il lockdown, ci aspettavamo un netto miglioramento della qualità dell'aria - ha commentato l'assessore Cattaneo -, ma così non è stato. Ciò significa che non è così evidente la correlazione tra traffico e qualità dell’aria”.

Rinvio allo stop auto Euro4 Diesel: c'è il sì del Governo, ma sarà momentaneo