È stato il presidente che più a lungo ha governato l’Argentina, da 1989 al 1999, e verrà ricordato come l’uomo che fece dimenticare ai suoi cittadini il difficile periodo della dittatura militare. Carlos Menem si è spento a 90 anni il 14 febbraio 2021. Amava la bella vita, le donne e anche le auto, e proprio questa sua passione per le quattro ruote lo ha legato a una vettura in particolare: la Ferrari 348 TB, regalatagli da un uomo d’affari italano, Massimo del Lago.

Un regalo tra le polemiche

A bordo della rossa, il presidente argentino ha toccato i 190 km/h di velocità e l’entusiasmo di quel regalo è stato così grande che in tanti si ricordano ancora l’espressione “mía, mía, mía” alla vista della Ferrari. Ma oltre ai bei ricordi, ci sono anche dibattiti: proprio a causa della vettura di Maranello, il Menem finisce tra le polemiche per la Legge 25.188, secondo la quale - all’articolo 18 - si vieta ai presidenti di ricevere regali e qualora questi siano formali diventano patrimonio dello Stato.

La Ferrari 348 TB

Mettendo da parte le polemiche, torniamo ai ricordi rosso Maranello. La Ferrari 348 TB (Trasversale Berlinetta) di Menem era spinta da un V8 da 3.4 litri in posizione centrale, in grado di erogare 300 CV, con cambio trasversale. Da molti è stata confusa con la Ferrari Testarossa, un errore che può starci visto che Leonardo Fioravanti per il design della 348 si ispirò in parte proprio alla Testarossa: le somiglianze si notano a partire dai fari anteriori a scomparsa e dalle fiancate laterali a lamelle.

Dopo essere appartenuta a Menem, la Ferrari 348 TB è stata messa all’asta più volte, fino a quando se ne sono perse le tracce per diversi anni, per poi arrivare nel 2014 nella collezione di Héctor Méndez, a quel tempo presidente dell'Unione industriale argentina.

Top 10 delle Ferrari più costose ed esclusive