Definirla auto, forse, è un po’ azzardato. E guardando le immagini della Consumer Car si capisce subito: si tratta di un prototipo davvero bizzarro, una scatola di forma rettangolare che sembrerebbe più un oggetto di design (o forse nemmeno quello). Difficile riuscire a inserire questa vettura in una categoria, sarà in grado di farlo il suo futuro proprietario? Consumer Car, infatti, è stata messa all’asta sul sito Car & Birds (termine ultimo per fare offerte il 19 marzo 2021 alle 18.30).

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il nostro listino

Com’è fatta la Consumer Car

Sotto alla forma decisamente squadrata del prototipo si nasconde una Ford Festiva GL del 1993 che il designer del Michigan Joey Ruiter (che di auto strane se ne intende e ne ha prodotte diverse) ha plasmato e rivoluzionato, mantenendo però il motore, un 1.3 a quattro cilindri che eroga 63 CV e 99 Nm. Niente di eclatante, dunque, ma lo scopo del creatore non era certo la velocità. Prima di finire all’asta, la Consumer Car è stata esposta dal 2019 a marzo 2020 al Petersen Automotive Museum di Los Angeles, all’interno della mostra Disruptors. La bizzarra vettura, oltre che per la forma trapezoidale, si caratterizza per la carrozzeria in acciaio lavorata a mano, per alcuni dettagli realizzati in Carnegie Xorel e per il frontale, composto da un grande specchio che nasconde tre strisce di Led. Troviamo, poi, specchietto retrovisore, cerchi in lega da 12”, freni a disco anteriori, volante in alluminio (per un totale di 556 kg di peso) e postazioni interne per quattro passeggeri. Non ci sono le portiere (si entra da sopra), ma è omologata per l’uso su strada (solo in alcuni stati americani), dove di certo non si passerebbe inosservati.

Le offerte si aggirano intorno ai 10mila dollari, ma chissà che qualcuno non proponga cifre strabilianti per accaparrarsi questo particolare veicolo.

Tesla Cybertruck, entro la primavera il modello di serie