Stellantis, offensiva elettrica su quattro piattaforme

Stellantis, offensiva elettrica su quattro piattaforme© LAPRESSE

Elkann e Tavares hanno delineato i passi che il Gruppo si prepara a muovere verso la mobilità elettrica. Grande attesa per l'Electrification Day

di Pasquale Di Santillo

15 aprile 2021

L’elettrificazione è stato il minimo comune denominatore anche di Stellantis, come ha spiegato sempre John Elkann, Presidente anche del nuovo Gruppo, creatura nata dalla fusione PSA-FCA.

“Il 2020 - ha detto -  è stato anche un anno di contrasti, che ha visto insieme momenti di crisi e creatività. Nello stesso periodo in cui abbiamo affrontato le numerose sfide che ci si presentavano per salvaguardare le nostra attività, abbiamo anche compiuto enormi progressi nella creazione di qualcosa di nuovo e di molto speciale: Stellantis. Non dobbiamo dimenticare che FCA e PSA hanno dato vita a questa unione ambiziosa ed entusiasmante raggiungendo risultati straordinari e dimostrando una grande resilienza contro ogni tipo di avversità. Dopo la nomina del top management a gennaio, stiamo ultimando le nomine per le posizioni di leadership, al fine di creare un team ben equilibrato, e sono lieto di annunciare che un quarto di questi ruoli saranno ricoperti da donne. Stiamo lavorando affinché Stellantis abbia la migliore organizzazione possibile, con leader capaci e talentuosi che sappiano portare punti di vista differenti e siano accomunati dalla stessa apertura al cambiamento. Le esperienze di queste prime fasi mi rendono molto fiducioso verso il futuro e i risultati straordinari che potremo raggiungere insieme”.

Ferrari, ecco quando arriva l'elettrica del Cavallino

Il rapporto con Tavares

Anche in materia di “convivenza” e divisione dei ruoli, Elkaan sembra decisamente soddisfatto.
“Carlos Tavares condivide con me la stessa ambizione per Stellantis. Entrambi vediamo la sua nascita non come un punto di arrivo, quanto come l'inizio di un nuovo viaggio entusiasmante. Lavorare insieme in questi primi mesi è stato molto arricchente sia professionalmente che personalmente, possiamo dire di avere iniziato nel migliore dei modi”.

In primo piano, appunto, la sostenibilità “Come azienda, faremo inoltre il possibile per integrare gli ambiziosi impegni nella nostra strategia di rendere i nostri obiettivi di crescita compatibili con le pratiche di sviluppo sostenibile. Questo approccio scaturisce dalla nostra volontà di sostenere l'ambiente, di favorire un'economia decarbonizzata, impegnando la nostra organizzazione a perseguire l'azzeramento del carbonio nei nostri prodotti e nel nostro impatto ambientale. Sul piano della nostra attenzione al sociale, crediamo fermamente nell'importanza dell'istruzione, un'area in cui supportiamo e promuoviamo numerose iniziative nelle nostre comunità. Tra queste, l'ambizioso e innovativo progetto dello “Science Gateway” avviato insieme al Cern di Ginevra, che ogni anno accoglierà oltre 300.000 persone interessate a studiare e scoprire le meraviglie della scienza in ogni suo aspetto, dall'universo alla fisica delle particelle”.

Aumentare l'offerta elettrica

Non solo una dichiarazione di pirincipio, come ci ha tenuto a sottolineare Elkann.

“Stellantis ha un'offerta elettrificata all'avanguardia con la più ampia gamma in Europa di veicoli full electric nel segmento B, che esprime alla perfezione la nostra idea di mobilità elettrica di massa per il prossimo futuro. La Citroën Ami a trazione interamente elettrica, ad esempio, è una soluzione di mobilità urbana molto economica che non richiede neppure la patente. Allo stesso tempo, la Maserati MC20, (che abbiamo provato qui) è una vettura super sportiva realizzata quasi interamente in fibra di carbonio, sviluppata con le tecniche più avanzate e tecnologie d'avanguardia derivate dalla Formula 1. Il nostro settore sta attraversando un'epoca di cambiamenti profondi e sempre più veloci, che nel prossimo decennio saranno ancora più intensi e ci costringeranno a ripensare al concetto di mobilità così come lo conosciamo. È proprio questo il motivo alla base della decisione di creare Stellantis, un'azienda che oggi possiede le dimensioni, la tecnologia e l'ambizione non solo per rispondere alle sfide di una nuova era, ma anche e soprattutto per dare forma al futuro della mobilità con prodotti e servizi innovativi e sostenibili".

Il piano strategico

Ad entrare nel merito, ci ha pensato Carlos Tavares, l’ad di Stellantis, che sta approntando il piano strategico di lungo periodo che sarà presentato nel Capital Markets Day tra la fine del 2021 e l'inizio del 2022. "Sarà un piano offensivo, in grado di sviluppare una strategia vincente anche per il mercato cinese. Sarà un piano con rotture significative. Abbiamo molte opportunità eccitanti e altrettanti valori da esprimere e serve una chiara governance".

L’ad di Stellantis ha spiegato che è stato creato un ufficio per le sinergie per procedere all'integrazione: “Siamo sulla buone strada per raggiungere il livello previsto nel 2021. Vogliamo andare avanti con scelte radicali. E in termini di sinergie, abbiamo iniziato con il piede giusto".

Nello specifico, l'ad ha annunciato che l'8 luglio si terrà lo "Stellantis Electrification Day”, una gioranta storica, nella quale saranno annuciate strategie e piattaforme condivise. I pilastri del piano strategico saranno le 4 nuove architetture sulle quali sorgeranno elettriche di segmento A-B da 500 km di autonomia, un'altra per le vetture C-D e 600 km di percorrenza, quella per le vetture di segmento D-E da 800 km di autonomia e infine una dedicata a SUV e pick-up.

L’obiettivo del 2021? Triplicare le vendite delle elettriche ottenute nel 2020, raggiungendo le 400 mila unità.
“Nel 2021, il 14% delle auto vendute in Europa da Stellantis - ha affermato Tavares - sarà elettrificato, con l'obiettivo di arrivare al 38% nel 2025 e al 70% nel 2030. Nel 2025 in Europa il 98% dei modelli del gruppo sarà disponibile anche in versione elettrificata”.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi