Stellantis dice addio alle vecchie concessionarie. Il nuovo Gruppo nato dalla fusione di PSA e FCA, infatti, pare sia intenzionato a sviluppare una nuova rete di rivenditori. Una doccia fredda per molti dealer, dunque, che in breve si sono ritrovati con una comunicazione arrivata all’improvviso e il tempo di capire i dettagli attraverso una teleconferenza dedicata per ogni mercato europeo.

Stellantis, primo trimestre 2021 da leader in Europa

Restare al passo con le innovazioni del settore

Secondo quanto riferito dai colleghi di Repubblica e di altri quotidiani nazionali, Stellantis avrebbe intrapreso questo nuovo percorso con lo scopo di creare un nuovo sistema multimarche orientato verso le nuove strategie europee. Tempo due anni, quindi, e il nuovo brand automobilistico apporterà notevoli cambiamenti nella rete di distribuzione di Vauxhall, Peugeot, Citroen, Ds Automobiles, Alfa Romeo, Fiat e Jeep.

Per allinearsi ai cambiamenti normativi e alle evoluzioni dell'industria automobilistica – ha spiega un portavoce del Gruppo ai colleghi di Repubblica – Stellantis ha deciso di rafforzare il suo modello di distribuzione in Europa, promuovendo un modello sostenibile, dinamico, snello ed efficiente per tutti i suoi brand […]. Questo nuovo modello porterà benefici ai clienti, alla rete di distribuzione e alla stessa Stellantis, creando un ecosistema più efficiente e sostenibile al passo con l'evoluzione del settore automobilistico”.

Tavares: "Auto elettriche troppo costose e forzate dai governi"