Vacanze, lunghi viaggi, magari a pieno carico. L’estate è particolare anche per le automobili degli italiani. Per alcune si tratta della prosecuzione di una routine, per altre di un cambio di passo dopo mesi passati a fare pochi chilometri. Concetto che vale ancora di più in questi tempi successivi al lockdown.

Posto che i controlli sistematici dell’auto allungano la vita e l’efficienza di tutte le componenti. Verificare i livelli, la pressione delle gomme, il funzionamento delle luci e di tutta la strumentazione rappresenta l’abc per evirare spiacevoli sorprese che possono rovinare le ferie.

Pneumatici e freni

Il check up estivo deve iniziare da ciò tocca prima l’asfalto. Nel rispetto del codice della strada, che comunque lascia opzioni, sempre preferibili i pneumatici estivi per i lunghi viaggi: più performanti ed efficienti.  Controllare la pressione delle gomme ogni due settimane, tenendo bene a mente che la temperatura ha un impatto significativo. Per gli pneumatici estivi, è bene rispettare alla lettera la pressione indicata dal produttore del veicolo sul manuale tecnico. Vale anche per la ruota di scorta. Una verifica va fatta ai freni, preferibilmente dal meccanico: al livello dell’olio, se c’è bisogno di uno spurgo e se devono essere cambiate le pastiglie.

I livelli

Altro giro obbligatorio: controllare tutti i livelli. A partire ovviamente, per le endotermiche, dall’olio motore,  anche se in questo caso il computer di bordo comunque anticipa sempre informazioni affidabili. Se sono passati due anni dall’ultimo cambio d’olio, anche se avete fatto pochi chilometri, meglio fare un salto in officina ed evitare rabbocchi. Va verificato pure il livello dell’acqua nel radiatore, controllando che non ci sia nessun tipo di perdita, la stagione calda, infatti, mette a dura prova il sistema di raffreddamento del motore. Infine dare un’occhiata al livello del liquido per pulire i vetri, sempre utile quando si viaggia a lungo ad alta velocità media: i moscerini lasciano il segno. Controllate anche la batteria, che in caso di caldo eccezionale è sottoposta a stress.

Dotazioni di bordo e climatizzatore

Non dimenticate che il triangolo e il giubbotto catarifrangente devono essere invece sempre a disposizione. Valute lo stato di efficienza del kit di riparazione gomme o della ruota di scorta. Con le alte temperature, e in previsione di lunghi viaggi sotto il sole, da non dimenticare un check al climatizzatore. Meglio affidarsi a un'officina per valutare l'efficienza del compressore e la quantità di fluido refrigerante presente nel circuito.