Porsche studia le auto volanti: mercato da 27 miliardi entro il 2035

Porsche studia le auto volanti: mercato da 27 miliardi entro il 2035

Attraverso la sua società di consulting, Porsche ha studiato il tema delle auto volanti, che potrebbero diventare un business miliardario nei prossimi 15 anni

di Redazione

15 luglio 2021

Quello delle auto volanti è un tema che sta prendendo sempre più piede. Negli ultimi anni infatti sono sempre di più le Case che stanno osservando con crescente attenzione a questo tipo di veicoli. Ora anche Porsche ha mostrato il proprio interesse, pubblicando un accurato report sul futuro mercato dell'auto volante realizzato dalla propria società di consulenza. Dalla ricerca è emerso che entro il 2035 il business dei veicoli volanti potrebbe diventare una realtà dalla grande rilevanza economica, con un giro d'affari di 32 miliardi di dollari (27 miliardi di euro).

Auto volante, il mito sta diventando realtà

Porsche sempre più interessata alle auto volanti

Da sempre sognata e inseguita, l'auto volante è diventata negli ultimi tempi una realtà, seppure estremamente di nicchia. Sono infatti ormai numerosi i piccoli Costruttori che hanno realizzato o stanno realizzando vetture capaci di spostarsi tanto sulla strada quanto nel cielo. Un club sempre più numeroso a cui potrebbero aggiungersi presto anche le Case automobilistiche tradizionali. Come Porsche, che è interessata a questo nuovo tipo di mezzi di trasporto al punto da commissionare un accurato studio alla propria società di consulenza.

Quello che Porsche Consulting ha analizzato è il mercato dei VTOL (“vertical take-off and landing”, ovvero “mezzi a decollo e atterraggio verticale”) nei prossimi anni. Lo studio ha previsto una forte crescita di questo settore, che entro 15 anni potrebbe arrivare a valere fino a 27 miliardi di euro. A fronte però di grandi spese: Porsche Consulting ha anche calcolato che saranno necessari almeno 20 miliardi di investimenti, di cui la metà dovranno essere messi sul piatto dai produttori entro il 2025. Ovvero fino a quando è prevista l'apertura delle prime rotte commerciali.

Porsche 911 GT3 Touring, la prova su strada

Il futuro secondo lo studio di Porsche

L'obiettivo è quello di far diventare una realtà d'uso i veicoli volanti (la cosiddetta “mobilità verticale”) entro il 2035, in ben 60 città e aree urbane che sono state individuate in tutto il mondo. Questo periodo sarà necessario per costruire tutte le infrastrutture necessarie, inclusi punti di decollo e atterraggio. Ma anche dare ai possibili viaggiatori l'opportunità di familiarizzare con l'idea di spostarsi in volo. Inoltre, precisa il rapporto, i potenziali clienti utilizzeranno gli aerotaxi se i viaggi saranno convenienti, sicuri, affidabili e a prezzi interessanti. La mobilità verticale diventerà commercialmente rilevante solo quando ampi strati della popolazione inizieranno a utilizzarla e si stabilirà una rete di percorsi allettante”.

Osservazioni a cui si aggiungono quelle di Federico Magno, direttore esecutivo mobilità di Porsche Consulting: “Il bisogno di mobilità è antico quanto il sogno di volare. La mobilità diventerà sempre più centrata sul cliente, individualizzata, veloce e integrata. Gli aerotaxi avranno successo solo se soddisfano tutti questi criteri e sono incorporati nelle reti di trasporto esistenti. Ma anche così stimiamo che la loro quota di mercato nel 2035 sarà inferiore a 0,3 per cento. La mobilità del futuro avrà quindi bisogno di ancora più idee e strategie. Lo studio realizzato da Porsche non è il primo sul tema delle vetture volanti. Un'analisi sullo stesso tema era infatti stata fatta nel 2018, con previsioni che poi sono state confermate dai risultati attuali.

Guidereste un'auto volante? Vota il sondaggio

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi