Volvo punta a entrare in borsa. Il gruppo cinese Geely sta svolgendo trattative con alcune banche per quotare la Casa svedese.

Lo sostiene Reuters che cita fonti anonime. L’operazione una volta conclusa dovrete rappresentare  una delle più grandi offerte pubbliche iniziali (IPO) europee del 2021, con una valutazione stimata di circa 20 miliardi di dollari.

La cifra è frutto di differenti ipotesi: alcuni esperti fissano addirittura la quota quota a  30 miliardi, altri a 16 miliardi) di dollari. I tempi sono maturi, l’operazione dovrebbe essere conclusa entro fine settembre.

Gli istituti coinvolti sarebbero Goldman Sachs e la banca svedese SEB, seguite da alcuni altri istituti come BNP Paribas, Carnegie e HSBC, anche se Volvo Cars e Geely non hanno rilasciato dichiarazioni di smentita o conferma.

Operazione già valutata in passato

I precedenti in ogni modo invitano a pensare che la direzione sua questa. Nel 2018 Geely, che acquistò Volvo nel 2010 da Ford, provò a vendere azioni del Marchio svedese, ma un ribasso delle quotazioni dei titolo automobilistici fermò l’operazione.

Come noto, Tesla da anni è protagonista del mercato finanziario. La transizione all’elettrico pare la chiave per avere successo in borsa, come dimostra il Marchio di Elon Musk. Volvo ha ufficialmente annunciato che proporrà un'offerta esclusivamente elettrica di auto entro il 2030. Questa sarebbe la chiave di volta.

Leggi ora: Volvo, via le sigle dai nuovi modelli: le elettriche avranno nomi veri